10 CONSIGLI ECOLOGICI PER IL BUCATO

Ci siamo mai chiesti quanto inquiniamo con il bucato? 
Ecco i trucchi più semplici e i consigli saggi, anche quelli della nonna, per ottenere un bucato perfetto senza inquinare.

1 - Sporcarsi meno

sembra una raccomandazione per bambini, in realtà spesso serve anche agli adulti ricordare che prestare attenzione mentre si cucina o mentre si mangia, ed in generale, avere cura della pulizia del proprio abbigliamento, è la migliore soluzione contro le macchie difficili! Usare il grembiule per cucinare, comportarsi con civiltà a tavola, usare abbigliamento da casa quando si fanno le pulizie o lavori di giardinaggio, bricolage, meccanica o altro.
vino rovesciato
Sporcare meno è sempre la migliore soluzione.

 2 - Mettere a mollo i capi più sporchi

il segreto ecologico per avere tovaglie, tovaglioli e strofinacci perfettamente puliti, non è usare enormi quantità di detersivo, bensì lasciare questi capi a bagno in acqua calda (anche bollente se il tessuto lo permette) e sapone di marsiglia, per alcune ore o ancora meglio, tutta una notte. Dopodiché mettere in lavatrice ed effettuare il solito lavaggio con capi di colore e tessuto simile.
ammollo bucato
mettere a bagno gli indumenti per togliere le macchie

3 - Prestare attenzione alla temperatura

la maggior parte dei nostri capi da lavare non sono estremamente sporchi, spesso si tratta al massimo di sudore o piccole macchie, in questi casi, lavare a 30° o 40° è la scelta migliore per preservare a lungo gli elastici e i colori, riducendo i consumi e preservando l’ambiente. In caso di lenzuola molto usate, tovaglie e strofinacci che già sono stati a mollo, asciugamani, indumenti da lavoro o grembiulini di scuola, la temperatura più adatta può essere 60°.
Solamente in caso di bucato sporchissimo usare lavaggi a 90°.
Manopola lavatrice
prestare attenzione alle temperature

4 - Non usare ammorbidente

l’ammorbidente è il più inquinante e inutile, se non dannoso, tra i prodotti che abitualmente utilizziamo per il bucato. È un sequestrante dei metalli pesanti, causa infatti l’intossicazione della fauna acquatica; la morbidezza che dona al bucato è data unicamente dalla differenza di polarizzazione che crea, non da un lavaggio più delicato e da maggiore salute delle fibre dei tessuti; la sua presenza crea una patina sulla superficie dei capi lavati, che li rende più attraenti per la polvere e lo sporco, infatti la sua presenza su un capo lavato non è altro che una patina di sporco che attrae altro sporco: tutto l’opposto di ciò che ci trasmette il suo profumo idilliaco, vero? Il modo migliore per avere un bucato morbido è lavarlo con un detersivo naturale e dunque più delicato, usare temperature più basse ed aggiungere un po’ di aceto, di acido citrico o di bicarbonato al lavaggio.
al posto dell'ammorbidente usare l'aceto

5 - Asciugare al sole

non sempre è possibile ma se lo fosse, meglio di questo non c’è per rendere il bucato igienizzato e profumato. Se non abitate a ridosso di una strada molto trafficata, non esitate a stendere fuori, nulla come il sole ha proprietà igienizzanti e deodoranti.
stendere al sole: disinfetta e sbianca naturalmente

6 - D’inverno…stirare

ebbene sì, anche stirare ha una sua utilità pratica oltre che estetica, oltre a rendere gli indumenti più ordinati nei cassetti, soprattutto d’inverno, quando c’è umidità nell’aria e quando l’asciugatura è difficile, stirare è un ottimo modo per uccidere i germi e togliere umidità ai capi non perfettamente asciutti. Se vogliamo togliere umidità dobbiamo evitare il vapore, se invece vogliamo solo igienizzare, il vapore ci aiuta moltissimo a togliere dai capi ogni residuo microrganismo sensibile alle alte temperature.

7 - Stendere accuratamente e ritirare il bucato con ordine

per avere un bucato perfetto e non dover lavare più volte lo stesso capo, occorre stenderlo bene, in modo che l’asciugatura sia perfetta, se possibile stirarlo e metterlo a posto appena asciutto: le pile di bucato pulito abbandonate in giro per la casa attraggono polvere e rendono il bucato sporco ancor prima di averlo piegato!
panni stesi...pioverà?

8 - Riempire al giusto livello la lavatrice

una lavatrice quasi vuota è uno spreco di energia e di sapone, una lavatrice troppo piena…anche: perché dovremo rilavare tutto visto che probabilmente sarà ancora tutto sporco o puzzolente. Non riempire spingendo i capi dentro come in una pressa, ma neanche lasciare metà spazio del cestello vuoto, un giusto riempimento evita sprechi e dona bucato pulito e impeccabile anche con basse temperature e la giusta quantità di sapone.

9 - Controllare i capi prima di metterli in lavatrice

verificare che le tasche delle giacche e dei pantaloni siano vuote. Fazzoletti di carta, monete, penne, caramelle, soldi: quando una di queste cose finisce nel lavaggio, lo vanifica rendendo bucato e lavatrice sporchi e sprecando energia. Mettere a rovescio gli indumenti che possono sbiadire, chiudere in un sacchetto di tela gli indumenti delicati o che possono rovinare gli altri (es. reggiseni con ferretto o capi con velcro).
controllare le tasche...

10 - Leggere con attenzione le etichette dei capi

usare la giusta temperatura e gli accorgimenti corretti per ogni capo consente di risparmiare energia e far durare più a lungo i nostri indumenti.

Claudia Ferretti

Phasellus facilisis convallis metus, ut imperdiet augue auctor nec. Duis at velit id augue lobortis porta. Sed varius, enim accumsan aliquam tincidunt, tortor urna vulputate quam, eget finibus urna est in augue.