OLEOLITO DI CALENDULA - RICETTA SEMPLICISSIMA!

Una delle preparazioni più utili

Potente, utilissimo, indispensabile alleato della salute della pelle, una ricetta semplicissima e perfetta.
L'oleolito di calendula è dotato di una potente azione eudermica, perché in grado di migliorare lo stato della pelle; utile in tutti quei casi in cui risulta essere irritata e screpolata
L'olio di calendula è anche un grande alleato dei neo-genitori: infatti lenisce e protegge le pelli sensibili e irritabili del neonato e del bambino; se usato preventivamente contrasta la formazione delle ragadi al seno della mamma che allatta, ed è anche capace di cicatrizzare velocemente quelle già presenti.
oleolito di calendula

Ingredienti

  • Olio di oliva
  • Fiori di calendula

Preparazione

Riempire un vasetto di vetro pulito e sterilizzato con fiori di calendula, colmandolo poi d'olio di oliva in modo da coprire d'olio tutti i fiori.
Lasciare in un luogo caldo per almeno due settimane (anche un mese). Al termine del periodo se l'oleolito è pronto, quando aprirete il vasetto troverete i fiori quasi trasparenti e l'olio più opaco e colorato di arancione.
Filtrare con un fazzoletto riponendolo in una bottiglietta di vetro o in un vasetto da conservare al fresco e asciutto.

Claudia Ferretti

Claudia Ferretti - creo contenuti per i canali di comunicazione, faccio pubbliche relazioni e comunicazione scientifica, politica e ambientale. Sono coautrice di un libro sull'autoproduzione del sapone: "Sapone Naturale" edito da LSWR, e autrice di un libro per bambini che parla di sapone ed ecologia che uscirà a breve: "Facciamo il sapone!" edito da Gemma Viva.

8 commenti:

  1. Ciao Claudia...vorrei sapere la durata di questo oleolito...grazie mille.
    Annalisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un anno o anche più, se ben conservato al buio e fresco, comunque dopo un anno puoi annusarlo e sentire che non sia irrancidito. Ciao!

      Elimina
  2. Salve quale è il tipo di calendula da usare? ce ne sono di vario tipo e non vorrei sbagliare.
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io uso indifferentemente quelle più gialle o quelle più arancioni, con doppio strato di petali o singolo...l'effetto è ottimo comunque..

      Elimina
  3. Ciao Claudia, al posto dell'olio di oliva non posso usare quello di jojoba per esempio ? Grazie della risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, certamente, lo jojoba è ottimo per gli oleoliti!

      Elimina
  4. Su guna ho letto che le creme a base di calendula possono aiutare nei casi di dermatite atopica. Io ho molte piantine di calendula e stavo pensando di fare da me l'oleolito da aggiungere poi a una crema idratante. Mi chiedevo se utilizzo un buon olio di mandorle al posto di quello d'oliva può andare bene lo stesso. Grazie

    RispondiElimina