sabato 20 novembre 2010

SAPONE TIPO ALEPPO - CON SOLO OLIO DI OLIVA E ALLORO

L’originale fatto solo con Olio di Oliva e Alloro. A lunga stagionatura.

Descrizione:
L’originale sapone di Aleppo, lavorato secondo l’antica tradizione della città di Aleppo in Siria: prodotto con solo olio di oliva e oleolita di alloro, a lunga stagionatura.
La ricetta antica de “il sapone” per eccellenza, lo rende delicato e raffinato nella sua estrema semplicità.
Non contiene profumo, ma scoprirete con piacere dei sensi l’aroma delicato dell’olio di oliva e delle foglie di alloro.


Ricetta per 1 kg di grassi:

INGREDIENTI:

gr 1000 olio di oliva
gr 186 infuso di foglie di alloro
gr 124 idrossido di sodio (soda caustica)
due manciate di foglie di alloro


Due settimane prima preparare un oleolita di alloro mettendo due manciate di foglie dentro un vasetto con 500 gr di olio di oliva. Lasciare al caldo per due settimane, sopra un termosifone, vicino ad una stufa o al sole se è estate, in modo che l'alloro rilasci nell'olio le sue proprietà ed il profumo.
Preparare qualche ora prima un infuso di  foglie di alloro.
Usare l'infuso come fosse acqua e preparare la soluzione con la soda caustica (facendo attenzione a non ustionarsi: usare i guanti e magari una mascherina), lasciare raffreddare fino a una temperatura di circa 40°. Mentre la soluzione raffredda, pesare in una pentola d'acciaio tutti i grassi e farli scaldare fino a raggiunere una temperatura di 42-43°.
Quando tutto è a temperatura, versare la soluzione della soda nella pentola dei grassi, dare qualche mescolata con un cucchiaio, quindi procedere a miscelare tutto con il frullatore ad immersione.
Dopo circa dieci minuti il composto di addenserà, appena la consistenza diventa simile a quella della maionese, e si può "scrivere" sulla superficie del sapone (momento del "nastro"), fermarsi e versare il composto nello stampo o negli stampi scelti.
Avvolgere gli stampi in una coperta e custodire al caldo (vicino ad un termosifone d'inverno, o comunque al caldo) per diverse ore. Dopo un giorno, sformare il sapone e lasciarlo in un luogo fresco asciutto e arieggiato a essicare per circa sei mesi o più.

Utilizzo:

È un sapone adatto alla cura della persona, ottimo come docciaschiuma, come detergente per il viso e per le mani.
Per pelli normali.

104 commenti:

  1. che bella!posso usare le bacche di alloro per infusione?cosa cambia?grazie.teodora

    RispondiElimina
  2. Noi abbiamo usato, in realtà, sia foglie che bacche, penso che si possa provare anche solo con le bacche senza variare molto il risultato...
    Ps. In ricetta abbiamo dimenticato di dire che l'oleolita di alloro va usato come olio di base e fa parte di quel chilo d'olio che viene saponificato (quindi si fa reagire mezzo chilo di olio e mezzo chilo di oleolita di alloro).

    RispondiElimina
  3. gentilissima Claudia, ieri ho provato ha fare la ricetta di questo sapone..il profumo di alloro e' davvero rilassante, haime'non si e' ancora solidificato, forse non sono riuscita a raggiungere la fase del nastro..cosa posso fare con l'amalgama? non vorrei gettare tutto..ho notato che nella ricetta la dose di acqua e' inferiore rispetto alle proporzioni che in genere prevedono 300g di acqua per un kilo di grasso..aiuto!!! roberta

    RispondiElimina
  4. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  6. Carissima Roberta, il quantitativo di acqua della ricetta e' ridotto, in quanto in presenza di saponi composti dal solo olio di oliva e' preferibile usare meno acqua. Le cause potrebbero essere le seguenti:
    Non raggiunto il nastro,
    Ha preso freddo nelle 24 ore successive al nastro
    Quello che puoi provare a fare in entrambi i casi e' versare il compsto in una pentola e farlo riscaldare a bagnomaria utilizzando il metodo di preparazione a caldo: copri le due pentole con un coperchio e lascia cuocere mescolando di tanto in tanto per un mezzora. Il sapone e' pronto quando prelevandone un cucchiaino, una volta raffreddatosi e' possibile farne una pallina con le dita senza che ti si appiccichi sulle mani. Quando e' cotto versare velocemente in uno stampo rivestito di carrta da forno. Lasciare riposare per 24 ore in luogo fresco ed asciutto(non avvolto nella coperta) e quindi sformare. Lasciare invecchiare in luogo fresco ed asciutto per minimo 3 mesi.
    Buon lavoro, facci sapere.


    RispondiElimina
  7. Grazie del pronto soccorso!
    Ho fatto come mi hai detto e in effetti ieri non avevo raggiunto il nastro...l'avevo confuso con una scia di olio non saponificato...ora il composto e' molto piu' denso..ora lo lascio riposare..grazie ancora! mi sarebbe spiaciuto sprecare l'oleolita di alloro, a cui avevo pure aggiunto una rimanenza di olio di timo e di equiseto..preziosi ricordi di estate!

    RispondiElimina
  8. vorrei provare.... ma le foglie di alloro fresche o secche? grazie

    RispondiElimina
  9. Meglio fresche, direi, ma se le trovi solo secche vanno bene anche secche.. Quelle fresche in uno o due giorni passati in casa, oltretutto, seccano... :-)

    RispondiElimina
  10. Si può utilizzare la lisciva al posto della soda? e se si, quali sono le dosi?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Assolutamente no! Non e' abbastanza basica per reagire e formare un sapone: il sapone e' il frutto della reazione tra una base forte e un acido grasso. Le basi forti sono due: soda caustica e idrossido di potassio. Dunque o usi una o l'altra...

      Elimina
    2. salve volevo fare la stessa domanda di Shorina. intanto però vorrei aggiungere che le 2 basi forti citate sono contenute nella lisciva e che proprio questa è tra i metodi usati per saponificare in epoca preindustriale. io sto provando e saponifica ma cerco comunque ricette e pareri per perfezionarmi. le migliori informazioni le ho trovate sul sito "flag of the planet". buon sapone a tutt*. pietro del cohousing sostenibile ABiTerra

      Elimina
    3. Nella lisciva di cenere c'è l'idrossido di potassio, ma in quantità variabile in base al tipo di legno bruciato, e al tipo di combustione, nonché un sacco di altre variabili per cui non possiamo dare precisamente la quantità da usare per ottenere un certo sapone. Inoltre molto spesso la lisciva è intesa come carbonato di sodio (soda solvay o lisciva di tea natura), in questa domanda sono convinta che fosse quella la lisciva a cui si facesse riferimento, per questo la risposta era stata molto netta, avendo a che fare con persone anche molto inesperte non possiamo dire che si può fare il sapone con la soda solvay, se abbiamo il dubbio che si intenda usare quella, ma neanche con la cenere... né tantomeno dare dosi, perché con la lisciva di cenere 9/10 il risultato non sarà quello che ci si aspetta...stiamo sperimentando la cenere anche noi, ma, come abbiamo fatto con gli oli esausti, qualora posteremo una ricetta che la includa, sarà chiarendo bene quali sono le aspettative che è ragionevole avere con quel tipo di reagente. Buon lavoro...

      Elimina
  11. per la prima volta oggi ho usato il sapone di aleppo....ed è veramente fantastico....ti senti veramente pulito....quindi ho cercato il metodo per potermelo rifare visto che l'acquisto per me in questo memento è proibitivo......ho trovato il vostro sito.....grazie mille Ale

    RispondiElimina
  12. ciao claudia grazie per la condivisione di questa preziosa ricetta! credi che io possa tentare di realizzarla anche usando olio di sansa? e se si, cambia la quantità di soda?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il numero di saponificazione della sansa é 0,134 anziché 0,133 la differenza é minima ed é Compensata dallo sconto della soda applicato per cui anziché 133 gr se ne usano 124 gr. Insomma usa pure l'olio di sansa e mantieni pure le dosi in ricetta!

      Elimina
  13. Ma potrebbe andar bene per i bimbi piccolissimi?
    Ho usato la vostra ricetta Grazie 1000e

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Va bene anche per i bimbi, anche se un sapone senza oleolito di alloro sarebbe più indicato. Sempre molto migliore però di quelli che si trovano in commercio...

      Elimina
    2. Gentilissima Claudia, per i bambini piccoli è meglio solo olio d'oliva? Due giorni fa, ho fatto la ricetta con solo olio extravergine d'oliva ( 1kg) con soda caustica 124gr e acqua 300 gr ed è venuto fuori un sapone molto giallo che profuma di olio d'oliva. Dici che va bene? O lo devo buttare????

      Elimina
    3. Perché lo dovresti buttare? Se la reazione è avvenuta va bene... Controlla il PH se hai dei dubbi.
      Potrebbe essere perché hai usato olio extra vergine..
      Ciao!

      Elimina
  14. @anonimo: ho cancellato per errore il tuo commento! Sono un disastro con i touchscreen e tiro le ditate a caso... Comunque riassumo qui domanda e risposta:
    Il sapone di Aleppo fa schiuma?
    In caso contrario si può sostituire un po' di olio di oliva con olio di ricino? Naturalmente ricalcolando la soda.
    Risposta:
    Il sapone di solo olio di oliva non fa molta schiuma, ma molto poca (però lava benissimo ugualmente), quindi se vuoi che ne faccia un po' devi cambiare la ricetta. Ovviamente non sarà più un sapone di Aleppo DOC... Puoi inserire un po' di olio di ricino in abbinamento ad un po' di olio di cocco, per ottenere una bella schiuma. Da solo il ricino non cambia di molto la schiumosità: deve essere abbinato ad un altro olio "schiumoso" e allora la rende morbida e durevole. Ciao!

    RispondiElimina
  15. Ciao Claudia, grazie infinite per questa ricetta! Domanda: ma 6 mesi di stagionatura sono proprio necessari?!? Grazie, ILARIA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Almeno due mesi sono obbligatori, i restanti 4 servono per conferire la tipica consistenza secca del sapone di aleppo...

      Elimina
  16. per fare spone liquido invece basta mettere KOH...quanto ne servirebbe?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non basta sostituire il reagente! Per fareil sapone liquido bisogna cambiare il procedimento! Sia che tu lo voglia fare con la soda (http://www.glialchimisti.com/p/preparazione-del-sapone-liquido.html) sia che tu lo voglia fare con la potassa...

      Elimina
  17. ciao Claudia, ti volevo chiedere: è possibile fare il sapone di Aleppo con il metodo a caldo? e se si, può essere usato subito o bisogna lasciarlo stagionare come per il sistema a freddo?...grazie e complimenti.

    RispondiElimina
  18. Ciao Claudia, ti volevo chiedere: il sapone di Aleppo si può fare con il metodo a caldo? e se si,prima di utilizzarlo bisogna ugualmente aspettare la stagionatura prima di utilizzarlo? grazie e complimenti...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, si può fare a caldo, necessita comunque di stagionatura per raggiungere la tipica consistenza del sapone di aleppo, magari solo due o tre mesi anziché 6...

      Elimina
  19. ciao Claudia il sapone di aleppo cosi prodotto come lo si puo paragonare al vero sapone, come fosse al 50% 16%. il risultato è soddisfacente come l'originale? grazie Raffaele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io lo definirei un sapone al 50% di olio di alloro, per paragonarlo a quello in commercio. Il risultato estetico e di durezza è maggiormente soddisfacente se si ha la possibilità di farlo invecchiare molto ed in luogo davvero molto secco (immagina la città di Aleppo) per quanto riguarda l'efficacia detergente, invece, anche se risulterà meno duro e secco dell'originale, non sarà assolutamente inferiore. Ciao e buona preparazione!

      Elimina
  20. Avendo abbondato in soda per errore, saponificazione perfetta, come si può controllare il ph del prodotto ottenuto??
    Grazie
    Tony

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando termina l'invecchiamento puoi controllarlo con delle cartine al tornasole (quelle che indicano il numero di ph, non quelle che indicano solo se un composto è acido o basico), ma se hai abbondato con la soda puoi star certo che non andrà bene: ti consiglio di rilavorarlo a caldo aggiungendo l'olio mancante per ottenere le proporzioni corrette...

      Elimina
  21. ma come mai in questa ricetta è stato fatto un forte sconto della soda caustica e poi perché l'acqua e così tanto ridotta???
    grazie anticipatamente per la risposta.
    gabriele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, lo sconto non è particolarmente forte: 6,5%... si può arrivare all'8% senza compromettere l'efficacia del sapone.
      L'acqua è ridotta perchè in un sapone interamente di olio di oliva è consigliabile farlo per raggiungere più in fretta il nastro, e anche perchè dovendo seccare molto è meglio che l'acqua sia il minimo indispensabile per abbreviare i tempi di una già lunga stagionatura.

      Elimina
    2. ok, grazie per la dritta!!!
      anche se un amico molto esperto di sapone mi dice che non sarebbe il vero sapone di aleppo...perchè il vero sapone di aleppo ha un procedimento lungo e diverso...
      in ogni caso proverò la tua ricetta all'oleolito di alloro....
      ciao e buon sapone a tutti, sopratutto grazie mille per tutti i tuoi consigli.

      Elimina
  22. mi aggrego come mai cosi' poca acqua?

    RispondiElimina
  23. mi aggrego come mai cosi' poca acqua?
    grazie

    RispondiElimina
  24. Ciao claudia, ho fatto questa ricetta.
    olio di mandorle gr. 200 13.65%
    cera d api gr. 55 3.75%
    olio di cocco gr. 250 17.06%
    olio di oliva gr 750 51.19%
    burro di karite( fresco direttamente dal Senegal) gr. 210 14.33%
    sconto soda 7%
    acqua gr 483 33%
    al nastro essenza di bergamotto 10 ml.
    tutto bene fino al getto nelle forme poi dopo un po è come se l olio si fosse un po ripreso , mi sapresti dire il perché??
    grazie, gebriele.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, intanto dimmi se la quantità di soda che hai usato è 202 gr che scontata diventa 187 gr; poi, se questo dato è giusto, potrebbe non essere avvenuto bene il nastro?
      Fammi sapere! Ps. Per più di un chilo di oli di base 10 ml di o.e. sono pochi, almeno 20 ml perché di senta il profumo...

      Elimina
    2. Comunque per non sbagliare i calcoli la cosa più saggia è fare ricette da chilo o multipli...

      Elimina
    3. per il calcolo della soda uso il calcolatore di soap calc.
      sconto 7% mi dava soda caustica 191,311

      Elimina
    4. fino al nastro tutto bene x il profumo non è un problema , perché i saponi profumati li odio....ne ho messo poco x quello....è un sapone in condivisione ed abbiamo trovato la via di mezzo.

      Elimina
    5. Beh, allora la soda va bene, anche se lo sconto è inferiore a quanto avevi previsto. Può essere che una parte dell'olio non si sia miscelato bene a causa di un nastro arrivato troppo velocemente?
      Comunque non dovrebbe essere un problema grave, misura il ph prima di usarlo quando sarà essicato e controlla che non superi 9-9,5
      Ciao!

      Elimina
    6. Ma grazie!!!
      per quanto ne posso sapere il nastro è arrivato in un tempo normale.
      solo un ultima cosa, mi diresti come misuro il ph?
      c'è in commercio un misuratore? dove lo trovo?
      gabriele.

      Elimina
  25. ciao faccio il sapone in casa da poco la domanda ti sembrerà sciocca ma porta pazienza
    ho capito il discorso della soda dello sconto ma non riesco a capire il discorso dell'acqua alcuni dicono che su 1000gr di grassi ci vanno 300gr di liquidi ma ho visto delle ricette che l'acqua a volte è di più a volte di meno mi puoi spiegare se puoi come dosarla

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se inventi tu una ricetta, o ne modifichi una che hai trovato (anche di poco) e non sai come fare, ne metti 300 gr per 1000 gr di grassi di base.
      Se hai una ricetta che ti indica di metterne meno o più e ti fidi di chi ha scritto la ricetta, ne metti quanta ce n'è scritta in ricetta (sempre che tu non abbia modificato la ricetta!).
      Se invece vuoi capire perchè a volte è più a volte è meno e imparare a dosarla magistralmente puoi seguire un corso di saponificazione...
      ...dove ti spiegheranno ciò che io ti riassumo qui in due righe ma se vuoi maggiori spiegazioni devi davvero fare il corso:
      - meno acqua di 300 su 1000 quando si vuole far essicare più in fretta il sapone, oppure se si usano solo oli di base insaturi
      - più acqua di 300 su 1000 se si usa il metodo a caldo
      Ciao!!!

      Elimina
    2. Grazie gentilissima,chiaro oggi ho fatto il sapone di aleppo ti faro sapere ciao

      Elimina
  26. oliva 714 gr.,

    cocco 200 gr,

    ricino 50 gr,

    cera d'api 36 gr.

    soda 132 gr 7%

    acqua 300gr

    al nastro 2 cucchiai di miele.

    Ciao, sono sempre gabriele, ho fatto questa ricetta ed ho il solito problema, raggiunge il nastro, l impasto diventa di colore omogeneo, lo getto nel cassero in legno da me costriuto e tutto bene, dopo un po piano piano inizia a diventere come trasparente, sembra che quasi rinviene l olio, ora sta indurendo e stasera lo tolgo dal cassero.
    se hai una mail ti mendo le foto e ti rendi conto di quello che succede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma non è che il sapone prende freddo?
      Dopo averlo messo nella forma devi avvolgerlo con coperte o metterlo in un contenitore termico perchè il calore che si sviluppa non si disperda.
      Che diventi trasparente durante questa fase successiva è normale, si chiama fase di gel e deve avvenire, solo che durante questa fase il sapone è delicato e bisogna che resti al caldo. In tal caso potrebbe non saponificare correttamente e rimanere un po' unto o un po' basico o entrambe le cose, in questi casi la soluzione è rilavorarlo a caldo.
      Comunque mandami pure la mail a info@glialchimisti.com
      Fammi sapere, ciao!

      Elimina
  27. ciao sono ancora io volevo chiederti da cosa ti accorgi se il sapone non è riuscito bene
    per esempio io ne ho fatto uno con la cannella seguendo la ricetta per il sapone base olio oliva 1000
    soda 128 e acqua300 e al nastro 3 cucchiaini di cannella in polvere il sapone l'ho messo in uno stampo di plastica tipo gastronomia la superficie risulta molto lucida il colore è grigio è passato circa 15 giorni mi sembra anche molto duro tu che dici?
    grazie infinite per la pazienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo capisci innanzitutto dal fatto di aver seguito bene le fasi (mi auguro che il sapone tu lo abbia sformato e non sia ancora nello stampo dopo 15 giorni!) e le regole, poi dal ph che deve essere intorno a 8/9, poi dal profumo che deve essere di sapone e non di olio rancido. La consistenza deve essere compatta e non farinosa, il colore non importa a meno che non vi sia una patina di polvere bianca sulla superficie. Se è duro è un buon segno...

      Elimina
  28. ciao,bellissime e utili le spiegazioni.
    Una domanda: è possibile fare un sapone acido? tipo ph 4 o anche meno?
    grazie
    fiore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, trovi la risposta sul nostro nuovo blog di approfondimento, ecco il link: http://glialchimistinotes.blogspot.fr/2013/06/il-ph-del-sapone-naturale.html
      Buona lettura!

      Elimina
  29. Il sapone di Aleppo lo si può usare per lavare i capelli. Grazie sei meravigliosa mi sei stata di grande aiuto.....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il feedback! E per i complimenti...che mi spettano solo al 50%... Il resto va allo schivo alchimista Cristiano!

      Elimina
  30. Rispondo ad un commento che ho eliminato per errore...!
    Si riferiva ad un sapone dal nastro dubbio che comunque si è indurito. Dopo 24 ore il sapone è stato tagliato, dopo altre 24 si riuscirebbe comunque a tagliare, questo credo fosse il fatto che metteva in dubbio la riuscita del sapone.
    Non mi preoccuperei se fossi in te, se il nastro non viene o viene in parte, il sapone non è uniforme ed ha delle parti oleose, ed altre caustiche, te ne saresti accorta. È normale che sia ancora abbastanza morbido. Se stagionasse in un posto non molto secco ed un po' troppo caldo potrebbe anche restarlo per un mese...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sono io...grazie mille per la risposta immediata, in effetti il dubbio era la consistenza ma il colore è perfetto e uniforme adesso vedrò col tempo come va..grazie ancora!
      Stefy

      Elimina
  31. Ciao Claudia, ieri l'altro mi sono cimentato nel confezionamento di questo splendido sapone, e per essere la prima volta, dopo aver letto e riletto questo post, con relativi interventi, il risultato ottenuto non mi sembra per niente male; oggi però con delle scagliette di sapone avanzate dal taglio, ho provato a lavarmi le mani e mi sembra d'essermi beccato una leggera ustione da soda sul palmo delle mani; questo è normale, visto che il sapone non è per niente maturo, oppure ho sbagliato qualcosa? Grazie in anticipo per la risposta.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È perfettamente normale... E ti sconsiglio di rifarlo! Attendi con pazienza almeno due mesi, se riesci anche 6, nel frattempo preparane altri così ti distrai!

      Elimina
    2. Grazie mille Claudia, attenderò, perché sono veramente innamorato di questo sapone, e visti i risultati, sono anche fiero di me ^_^ 2, ma anche 6 mesi non mi sgomentano affatto ;)

      Elimina
  32. Ciao Claudia, ho un dubbio atroce, io uso il sapone di aleppo quando vado per qualche giorno in natura, per lavarmi metto acqua del torrente in una vaschetta e dopo aver finito la getto nel terreno, ma non sapevo che ci fosse la soda caustica tra i componenti utilizzati per la preparazione. Il dubbio è: il sapone di aleppo può inquinare?
    Se non inquina, qual è il ph di quello che si trova abitualmente in commercio?
    Mi puoi consigliare un prodotto che non inquini in nessun modo le acque ed i terreni in cui si versa e che abbia un ph neutro?
    Per me è veramente molto importante, grazie 1000!
    Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il sapone naturale (ed il sapone di Aleppo anche in commercio è tutto naturale) non inquina, anzi fa bene alle piante. Inoltre: nel sapone non c'è traccia di soda caustica (avviene una reazione per cui la soda e i grassi si trasformano in sapone) e poi comunque la soda caustica anche pura non inquina. Il sapone naturale ha sempre PH basico ed è la sua forza. Non capisco a cosa ti serva un detergente con PH neutro... Sicuramente se lo vuoi neutro dovrai rivolgerti ad inquinanti tensioattivi sintetici...

      Elimina
  33. Ciao Claudia, oggi dopo due settimane che ammiravo il vasetto di vetro con dentro l olio e l alloro finalmente ho fatto questo sapone ;-)
    Ho avuto solo un piccolo problema, ho raggiunto la fase del nastro dopo nemmeno 2 minuti con il frullatore ad immersione e gia` era denso tipo budino e ho dovuto prenderlo con il mestolo per metterlo nelle formine. Non avro` fatto un gran danno??? Ora sta al calduccio e domani lo taglio, speriamo bene. Grazie mille per la bella ricettina
    Helga

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicura che non ci fosse qualche grasso saturo? tipo olio di cocco, o anche un olio di frittura tipo friol? Comunque può essere anche solo perchè fa molto caldo, non ti preoccupare, al termine dell'invecchiamento misura il ph...

      Elimina
  34. CIAO PENSAVAMO DI FARE IL SAPONE DI ALEPPO LIQUIDO...HAI QUALCHE SUGGERIMENTO?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Provate cambiando (con olio di oliva e oleolito di alloro aggiustando la soda) gli ingredienti di questa ricetta: http://www.glialchimisti.com/2012/08/sapone-liquido-idratante-delicato.html?showComment=1374351739055#c4398472240906749930

      Elimina
  35. Ciao Claudia, proverò sicuramente questa ricetta con acqua ridotta, però visto che non siamo ad Aleppo e non usiamo i loro metodi diciamo che è un sapone d'oliva e alloro^^
    Con l'ultimo ho fatto una cavolata ed ho messo 4% in piu' di soda invece che in meno: lo potrò usare cmq? Si disattiva col tempo? o esiste un modo per neutralizzare eventuali avanzi? o al limite lo posso rimettere in pentola e correggerlo? Son passati 10 giorni ormai.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non usare un sapone fatto con troppa soda, con il tempo non cambia...non a sufficienza... rimetti in pentola con un poco di acqua, fai sciogliere e correggi aggiungendo olio e cercando di rifare la reazione, questa volta a caldo.

      Elimina
  36. ciao, ho fatto anche io l'errore di mettere troppa soda, il ph è 9, ma forse è meglio rilavorarlo.vplevo sapere, però, dopo quanto tempo si può usare. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il ph 9 va bene, se sei certo di averlo misurato bene, puoi usarlo dopo i sei mesi di stagionatura. Se lo rilavori a caldo rendendolo liquido invece puoi usarlo subito...

      Elimina
  37. Gentile Claudia,
    non so se è il luogo giusto ( se non lo è mi scuso).
    Volevo sapere se è possibile fare un sapone con l'olio di soja.
    Ho una bottiglia aperta e inutilizzata da circa un anno, e avrei pensato di usarlo per fare un sapone.
    Secondo te è valida come idea? Posso usarlo da solo oppure insieme all'olio d'oliva?
    Ti ringrazio molto.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao! l'olio di soja va bene perfare il sapone, solo che lo rende piuttosto molle: usalo per un sapone liquido, oppure in abbinamento con olio di oliva (almeno 70% oliva). ciao!

      Elimina
  38. Ciao Claudia, ho provato a fare questo sapone seguendo minuziosamente la tua ricetta, ed è venuto benissimo: un sapone molto profumato di alloro. Sono molto contenta. Fare il sapone in casa, con questi risultati da veramente molta soddisfazione. Ti ringrazio moltissimo di averla condivisa e ti faccio anche tanti auguri di buone feste.

    RispondiElimina
  39. Ciao Claudia
    le foglie di alloro si possono tagliuzzare o vanno intere nell'oleolita ?
    Ciao e grazie
    Maxx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Se le spezzetti rilasciano più facilmente il profumo e le proprietà, quindi: tagliuzza!

      Elimina
  40. Ciao Claudia ,faccio da anni il sapone con il metodo a caldo utilizzando solo olio di oliva extra vergine bio di mia produzione ,,lo regalo poi a tutti gli amici con problemi di pelle e vedendo la soddisfazione dei miei "clienti" vorrei fare l'Aleppo .ho raccolto oggi le bacche ho tolto il nocciolo dopo averle scottate (il nocciolo e notoriamente velenoso per l'uomo) pensavo di estrarne l'olio ma l'attrezzatura che ho non e idonea allora le ho immerse in olio e le terrò per 2 settimane ,devo aggiungere anche le foglie? Fresche o secche ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fresche o secche... vanno bene comunque...

      Elimina
  41. Ciao, dosi e procedura sono uguali se uso extravergine invece che olio d'oliva? l' extravergine dovrebbe essere meno acido
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto che l'ambiente in cui si crea il sapone è comunque molto basico, non c'è molta differenza tra usare olio extra vergine e olio di oliva o sansa, il risultato potrebbe invece essere un po' più bavoso. Comunque la procedura è la stessa e le dosi anche! Ciao!

      Elimina
  42. Ciao Claudi raddoppiando le dosi il risultato è sempre lo stesso? grazie e complimenti x il blog, Cristina

    RispondiElimina
  43. Ciao,mi piacerebbe fare questo sapone,ho tanto alloro! Ho alcune domande da farti (sono alle prime armi).Volevo sapere se posso nei saponi usare olio extra vergine al posto di solo oliva (mi costa meno) e nel caso cosa accade,qual'è la differenza. Poi,ho fatto il primo sapone tutto olio d'oliva con olio di mio papà,che era fermo li da un po (ma al sapore non era ne cattivo ne rancido,solo un po vecchio) la reazione nastro si è verificata subito,si è come ammassato,e dopo 15 gg ha preso odore di rancido. Cosa può essere successo? Posso usarlo x bucato o fa puzzare tutto? E per quanto riguarda il ph,va sempre misurato? Scusa le tante domande,ma mi hanno chiesto dei saponi da fare,e volevo essere tranquilla prima di darli ad altri,non voglio rischiare nulla. Attendo risposta e intanto ti ringrazio per il tuo tempo dedicato.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi usare l'olio extra vergine al posto dell'olio di oliva, la differenza sarà minima (il numero di saponificazione non cambia). Per quanto riguarda i tuoi esperimenti: probabilmente hai mantenuto la temperatura della reazione troppo bassa, per questo non è avvenuta per bene (infatti il sapone sa di rancido perché c'è dell'olio non saponificato); il problema è che c'è sicuramente della soda libera quindi meglio rifarlo scaldare e cuocere facendo la reazione a caldo. Il ph va misurato quando non si è certi di aver fatto tutto a regola d'arte. nel tuo caso, sicuramente, visto che sa di rancido. Fammi sapere...

      Elimina
    2. Grazie per le risposte.Non ho mai fatto un sapone a caldo, c'è un post con il metodo tra i tuoi?Sicuramente,dimmi quale e lo provo sicuro.Avevo scontato la soda,ma non avevo una bilancia elettronica forse ne ho messa meno. E siccome non uso termometro,ma ho provato a occhio,forse l'olio era troppo caldo..Per i prossimi uso il metodo tutto a freddo,sfruttando il calore di 90 gradi circa della soda.Funziona così no? Sono un pò un disastro lo so,ma sono alle prime armi.Quello da bucato mi viene ok però.Ma voglio anche farlo per il corpo,specie questo di aleppo, Ma è la ricetta originale o è quello che chiamano ''tipo aleppo''? Grazie per la pazienza,e i miei complimenti,siete dei grandi!!

      Elimina
    3. Ciao, la ricetta per fare il sapone a caldo è la prima parte di quella del "sapone liquido pronto all'uso in due ore" (prima di aggiungere i 2 litri d'acqua), si tratta semplicemente di mettere a cuocere la pasta di sapone a bagnomaria o sulla stufa a fuoco bassissimo, dopo aver raggiunto il nastro. La cottura dura in media un'ora....
      Secondo me ti conviene munirti di bilancia elettronica e termometro, li trovi anche nei negozi dell'usato, costano poco e cambiano in modo radicale la qualità del sapone che fai! Comunque il metodo tutto a freddo è una bella idea, funziona bene però con l'olio di oliva, ma se fai ricette complesse non conviene.
      Questa ricetta è quella originale come dosi...ce ne sono poi diversi tipi a seconda di quale quantità di oleolito di alloro ci si mette, ma questa al 50% è la più frequente. Il metodo non è quello usato in Siria perché il clima laggiù consente una qualità e tempi di essiccazione molto diversi... abbiamo calcato la mano sul fatto che sia "originale" perché se ne trova in commercio prodotto con i grassi più impensati (dallo strutto all'olio di palma e cocco)...

      Elimina
    4. Grazie cara Claudia per il tuo aiuto! La bilancia elettronica l'ho acquistata,oggi ho rifatto il sapone all'olio d'oliva,stavolta con olio nuovo e con metodo tutto a freddo (il termometro lo acquisterò in seguito),e tutto è andato a meraviglia,il nastro è sopraggiunto dopo qualche minuto,forse 5,ed è venuto bello cremoso.Ora è al caldo che riposa,poi vedremo come andrà.Forse l'olio del sapone venuto male non solo era vecchio ma magari anche un pò ossidato e forse per paura di mettere troppa soda non ho azzeccato bene la quantità (non avevo ancora la bilancia elettronica).Proverò a salvarlo coi tuoi metodi, se non funziona pazienza. L'alloro ne ho preso di selvatico,di ritorno dalla mia camminata,profuma da matti,domani mi metto all'opera! Grazie mille per tutto.

      Elimina
  44. Scusa Claudia,perdona se ti stresso,sono sempre io. Come ti dicevo,ho fatto il sapone all'olio d'oliva e tutto era perfetto.Metodo tutto a freddo,bellissimo nastro dopo 5 minuti e messo al caldo ha mantenuto il calore per 24 ore almeno. Solo che ora che l'ho sformato (48 ore),è strano poiche solo la parte all'aria e dura e bianca,il resto è ancora gelatinoso ,e dal contenitore (tetrapack) si è staccato male,restando appiccicoso,e poi presenta puntini bianchi...oddio,possibile che ho sbagliato,eppure era tutto perfetto.Non riesco a far uscire bene sto benedetto sapone corpo,quello bucato viene bene..Ho fatto uno sconto soda del 5%,forse il contenitore era troppo alto,12 cm circa? Però cavolo,solo mezzo cm sopra era solido,il resto era gel,quindi magari l'altezza non centra nulla. L'ho tagliato e messo all'aria,forse migliorerà col tempo? Aiutami che sto andando in fissa co sta cosa,e buttare olio così,mi scoccia..Dovrei darlo a delle persone,quindi ci tengo che sia ok. Grazie Claudia e porta pazienza. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, potrebbe aver preso freddo durante le 48 ore? anche una piccola corrente d'aria? Non è lo spessore, almeno non può aver danneggiato il sapone, al massimo può aver reso più difficoltosa l'uscita dallo stampo. Era ancora caldo quando lo hai sformato? Comunque non puoi fare altro che aspettare la stagionatura e poi misurarne il ph. Soprattutto se vedi che inizia apprendere una buona consistenza: altrimenti potresti rilavorlarlo subito a caldo. Non buttare nulla però: in qualche modo lo si recupera.
      Fammi sapere, buona serata...

      Elimina
  45. ciao sono sonia ,oggi ho fatto il sap.da bucato fino al nastro tutto bene nel cuocerlo è affiorato l'olio mi sai dire perchè? cmq lo frullato con il minipimer e si è subito addensato posso stare tranquilla ? è sicuro? anche quando ho fatto il sap x lavatr. stesso problema affiorava l'olio e nella tanica si è divisa l'acqua dalla massa solida come mai? grazie x la pazienza

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può capitare se prima di aggiungere l'acqua la cottura della pasta di sapone non è avvenuta completamente, la soluzione è appunto frullare come hai fatto e far cuocere un po' di più tutto il sapone anche se già liquido. Deve cuocere fino a sobbollire. Prova a far cuocere ancora anche il sapone per lavatrice...

      Elimina
  46. ciao, io ho fatto un sapone olio di oliva 1000gr acqua 300gr soda 128gr , l'ho tagliato dopo una decina di ore è di colore verde chiaro e non ha particolari odori, un pò unto al tocco, ma credo sia normale è passato solo un giorno, l'ho messo a seccare in un armadio. mi hanno detto di aspettare un mese per iniziarlo ad usare, tu che dici è poco? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, come abbiamo scritto sulle dispense, sulla pagina "preparazione del sapone solido" e su ogni ricetta di questo blog (tranne questa in cui se ne richiede di più!) il sapone fatto con metodo a freddo deve invecchiare 2 mesi.
      Se hai tantissima fretta (?) puoi misurarne il ph dopo un mese e se rientra nel range normale del sapone puoi usarlo lo stesso tenendo presente che la saponetta più invecchia e più è durevole, un sapone invecchiato un mese durerà molto poco.

      Elimina
  47. Ciao ti ho scritto tempo fa qui per un problema con un sapone all'olio d'oliva che forse non era uscito bene...devo dire che lo sto usando,l'unica cosa è che ha un lievissimo (ma forse è l'olio d'oliva ad essere così?) odore di rancido.Appena appena percettibile. L'olio era oliva fresco. E' normale così? poi volevo chiederti:ho messo per questo di aleppo, in infusione l'alloro e lo tengo al sole,ritirandolo la sera.L'ho fatto con mezzo chilo di olio d'oliva.Quello che voglio chiederti è: posso usare per l'altro mezzo chilo al momento della saponificazione dell'olio extra vergine,così per dare un tocco più deciso,o non è possibile miscelare? Grazie Claudia,attendo risposta. Un caro saluto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi miscelare, lo abbiamo fatto diverse volte anche noi...
      se sa di rancido potrebbe essere stato scontato troppo oppure invecchiato in un posto umido, oppure tutte e due le cose...

      Elimina
  48. Ciao Claudia mi serve un'aiuto,ho fatto un disastro con questo sapone,non voglio buttare tutto.Ho saponificato mezzo kg di oleolito all'alloro,non avendo termometro ho fatto il metodo tutto a freddo ossia sfruttando il calore della soda, l'acqua era 150 gr visto che ho fatto mezzo kg.Non so che è successo (mi riesce sempre con quello da bucato e d'oliva) ma il nastro non arrivava,era come se la soluzione fosse fredda,non a temperatura. Ho aggiunto la restante soda con poca acqua (all'inizio l'avevo scontata del 5%) e poco dopo arriva il nastro,sembrava perfetto.L'ho messo al calduccio e il giorno dopo...sorpresa! Una massa gelatinosa sul fondo e tanto olio che galleggia. A parte capire cosa è accaduto,come posso rilavorarlo,visto pure il tanto olio che galleggia, ricavando sapone per i panni ? (presumo che per il viso non va più bene visto che ho aggiunto soda) AIUTO!!! Detesto buttare,se hai un modo aspetto il tuo consiglio. Grazie mille.

    RispondiElimina
  49. Ciao Claudia, dopo aver provato e consigliato anche alle amiche molte delle tue meravigliose ricette di cui ti ringrazio, vorrei provare a fare il sapone tipo Aleppo con tutto olio di oliva in cui ho già messo a macerare l'alloro, ma liquido utilizzando la procedura del sapone coccolilva liquido mi puoi per favore consigliare le dosi di soda e di acqua(infuso di alloro) da usare.
    Grazie mille Ciao Virginia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prova cambiando (con olio di oliva e oleolito di alloro aggiustando la soda) gli ingredienti di questa ricetta: http://www.glialchimisti.com/2012/08/sapone-liquido-idratante-delicato.html?showComment=1374351739055#c4398472240906749930

      Elimina
  50. Grazie è proprio quello che pensavo di fare dato che ormai sono diventata"esperta" con la tua ricetta del sapone liquido che è fantastica, rapida oltre che versatile! Ti farò sapere come è andata.Ciao

    RispondiElimina
  51. Ciao Claudia volevo fare il sapone aleppo visto che mi trovo bene con quello in commercio ora volevo provare a farlo ma la soda caustica è quella che si utilizza per pulire le tubature dei lavandini?
    Per il ph quanto deve essere per andare bene?
    Come faccio a misurare il ph?

    RispondiElimina

il nostro blog di riflessioni ed informazioni:

Seguici! Clicca qui sotto per diventare un lettore fisso del nostro blog!