sabato 4 gennaio 2014

SAPONETTA COCCOLIVA - AL CAFFE'

Un delizioso sapone adattissimo per lavare e deodorare le mani 
in cucina, in officina, in laboratorio o in giardino. 
Contiene infuso di caffè e caffè in polvere, per un effetto 
leggermente esfoliante, molto deodorante, tonificante.

La base è un sapone al 70% oliva e 30% cocco, per garantire un'ottimo potere lavante, sufficiente delicatezza, un'eccellente resa come schiumosità e durezza: si tratta della già sperimentata Coccoliva! La proporremo in tante versioni, questa seconda è dedicata al caffè ed alla sua utilità deodorante.
Non abbiamo applicato sconto alla ricetta per rinforzarne l'efficacia lavante visto che il suo destino non è di essere un sapone di bellezza...vedrete che comunque risulterà molto più delicato di qualunque sapone in commercio...


Ingredienti per 1 kg di oli:
700 gr olio di oliva
300 gr olio di cocco

146 gr idrossido di sodio (soda caustica)

250 gr infuso di caffè (un caffè ottenuto con la moka, oppure un caffè solubile)

3 cucchiaini colmi di caffè in polvere per moka, da mettere al nastro (per dare effetto scrub e pulire più profondamente)

Preparazione:

Preparare sul piano di lavoro tutti gli ingredienti e le attrezzature necessarie.
Indossare la mascherina e i guanti e pesare la soda caustica, pesare anche l’acqua.
Preparare un infuso di caffè (almeno 250 gr, ciò che avanza...lo potrete bere!) pesarlo e lasciarlo raffreddare.
Versare lentamente la soda nel caffè, mescolando fino a che non sia sciolta. A questo punto la soluzione si riscalderà raggiungendo circa 90°, è normale, è la reazione della soda in acqua, abbiate l’accortezza di non toccarla a mani nude e di posarla a raffreddare in un posto sicuro. Deve raffreddare fino a 48° circa, inserirvi dentro il termometro per tenerla sotto controllo. Poi potete togliere la mascherina.


Mentre la soluzione raffredda, pesare in una pentola d'acciaio gli oli e farli scaldare fino a raggiungere una temperatura di 50°.
Quando tutto è a temperatura, indossare gli occhiali e versare la soluzione della soda nella pentola dei grassi, dare qualche mescolata con un cucchiaio, quindi procedere a miscelare tutto con il frullatore ad immersione.

Dopo pochissimi minuti il composto di addenserà, fate attenzione perchè il 30% di olio di cocco comporta un nastro molto breve e il rischio di ammassamento della mistura; appena la consistenza diventa simile a quella della maionese, e si può "scrivere" sulla superficie del sapone (momento del "nastro"), fermarsi, eventualmente aggiungere tre cucchiaini colmi di caffè in polvere per moka, frullare ancora un po' perchè si amalgami bene, e versare velocemente il composto nello stampo o negli stampi scelti.


Avvolgere gli stampi in una coperta e custodire al caldo (vicino ad un termosifone d'inverno, o comunque al caldo) per diverse ore. Dopo un giorno, sformare il

sapone e lasciarlo in un luogo fresco asciutto e arieggiato a essicare per circa due mesi.
Non sciacquare la pentola e il frullatore il giorno stesso, ma attendere il giorno dopo quando il sapone si sarà essicato sui bordi e la reazione sarà avvenuta anche lì: lavarli sarà molto più semplice, basterà usare acqua bollente e far schiumare il sapone con una spugna o una spazzolina, potrete usarlo per pulire la cucina!
Il sapone così ottenuto è un sapone deodorante e scrub al caffè, se preferite potere evitare di inserire il caffè al nastro e mantenerlo solo un sapone deodorante.


29 commenti:

  1. Ciao, la soda è già scontata? Proverò al più presto questa ricetta...mi manca un sapone in cucina:-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, la soda non si sconta in questa ricetta, c'è anche scritto perché... ciao!!!

      Elimina
    2. Ok, grazie non avevo ancora letto la ricetta:-)

      Elimina
  2. Salve, ho letto e riletto la ricetta per essere sicura di aver letto bene, nel procedimento parli anche di pesare l'acqua, ma quale acqua? Io leggo solo 250 gr di caffè, forse devo fare 250 gr caffè e 50 gr di acqua per arrivare a 300 gr? Per quel che ne so io di solito per 1 kg di oli si mette 300 gr di acqua, a meno che non si voglia appositamente metterne di meno. A fine settimana la voglio fare, grazie mille e scusate.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'acqua in questa ricetta è sostituita da un infuso di caffè: quindi un liquido che usiamo come fosse acqua, ma che è caffè.
      Ne usiamo 250 gr anziché i classici 300, per scelta, perché è una ricetta ad acqua (in questo caso: caffè) ridotta.
      In ricetta parliamo di "preparare un infuso", "preparare la soluzione versando la soda nel Caffè"...intendendo sempre un infuso di caffè preparato con acqua e caffè solubile o caffè per moka (preparato in questo caso con la moka). Ciao!

      Elimina
    2. Benissimo capito! Grazie mille della gentile risposta, ora posso procedere finalmente. Ciao Claudia

      Elimina
  3. Ciao,volevo sapere se questo sapone è adatto solo per le mani da deodorare...volendo si può preparare per lavare il corpo e il viso? In quel caso,la soda va scontata? E un'altra informazione se possibile(faccio sapone da pochissimo) Un sapone per viso e corpo,qualunque sapone,per esempio quello all'oliva,deve sempre essere scontato della soda al 5 % o si può usare tutta la quantità richiesta?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, per lo sconto, dipende dal risultato che vuoi: comunque un sapone per il corpo è sempre meglio scontarlo magari del 2-3%, uno shampoo invece è meglio non scontarlo, se non è per capelli molto secchi, un sapone bimbi (che tanto sono puliti comunque) è da scontare molto (8%), uno per pelli delicatissime anche.
      Buon lavoro!

      Elimina
  4. Ciao volevo sapere se possibile,se questo sapone così fatto, può essere usato anche per il corpo,o può dare problemi.Ho visto che lo consigli per le mani come antiodore,ma a me piacerebbe usarlo in tutto.In quel caso va applicato uno sconto soda? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sarebbe meglio applicare un pochino di sconto, 3-4% così da renderlo un po' più delicato. Chiaramente così com'è equivale comunque ad uno qualunque dei saponi vegetali che le erboristerie vendono per delicatissimi...
      Per il resto nessuna controindicazione!

      Elimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina
  6. avevo fatto questo sapone e mi ero trovata benissimo.
    avendo un cognato idraulico però avevo necessità di creare proprio tipo una pasta lavamani... ho usato di base questa ricetta, salvo poi dopo il nastro farla cuocere e aggiungere circa la metà di acqua che serve per fare il sapone liquido, fatto sobbollire sulla stufa per 40 minuti circa e appena è stato tiepido il tutto ho aggiunto i fondi di 3 caffettiere ( avevo provveduto a sminuzzare i fondi e farli asciugare bene nel forno della stufa aperto). Il risultato lo ammetto è orribile da vedere :D ma è ottimo! Pulisce molto bene le mani anche dai grassi (A suo dire meglio delle paste in commercio) e a differenza delle paste industriali però non secca e non rovina le mani!

    Grazie! da sola al caffè non ci avrei mai pensato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per la utile ricetta e dei complimenti...un abbraccio!

      Elimina
  7. Stavo pensando,.......posso sostituire (non in questa altrimenti farei il cappuccino) del latte alla quantità di liquido?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, puoi farlo ma devi prestare attenzione perché una quantità elevata di zuccheri (nel latte ce ne sono molti) accelera il nastro fino a provocare ammassamento, quindi non tutto il liquido se non hai molta esperienza e comunque molta attenzione perché se ammassa e non fa in tempo a fare la reazione completa rimane caustico. Buon lavoro!

      Elimina
  8. Ciao! complimenti per il blog! un consiglio.. non avendo a disposizione l'olio di coccolo, posso fare tutto 100%olio d'oliva?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, certamente, segui però la ricetta del marsiglia alla lavanda, ed invece della lavanda aggiungi il caffè!
      Buon lavoro!

      Elimina
  9. Ciao! Complimenti per il bellissimo ed utilissimo blog!
    Dato che non possiedo un termometro, posso unire la soluzione caustica direttamente negli oli freddi?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io comprerei un termometro, costa 20 euro e ti ripaghi della spesa in breve tempo... puoi provare con il metodo tutto a freddo ma è più facile sbagliare e rischiare che la reazione non avvenga o avvenga solo in parte.

      Elimina
    2. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

      Elimina
  10. Ciao, volevo fare questo sapone al caffè, ma tipo shampoo per scurire i capelli - la domanda è: usando il caffè come diluente per la soda caustica, mantiene anche la proprietà scurente o solo quella deodorante? (ovviamente nello shampoo non aggiungerei il caffè in polvere alla fine...) Hai qualche idea invece per aggiungere il caffè al nastro? Se lo faccio restringere sul fornello in modo che l'acqua evapori quasi tutta dici che lo posso aggiungere come se fosse tipo un oleolito?
    grazie tantissimo in anticipo!
    Marisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Il colore del caffè rimane anche se lo si usa come liquido per la reazione...puoi fare un caffè molto concentrato usando quello solubile, per evitare di farlo restringere col rischio che bruci.
      Per le proprietà scurenti, forse ci sono cose più efficaci da inserire, magari un po' di henné? Non ho mai provato ma potrebbe essere interessante...

      Elimina
  11. vorrei sapere se il colore del sapone al caffè viene scuro oppure color caffè chiaro??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dalla concentrazione del caffè...
      Se si aggiungono i due cucchiaini alla fine rimane più scuro...

      Elimina
  12. Ciao Claudia, ho fatto un pasticcio! Ormai faccio sempre sapone "coccoliva", che da ottimi risultati, compresa una bella schiuma morbida. Mi sbizzarrisco poi con profumazioni varie. Ho provato una versione molto aromatica, con zenzero, cannella e caffè in polvere, e oli essenziali di zenzero e cannella. Fantastico! Peccato che mi sono accorta dopo di avere usato lo strutto al posto dell'olio di cocco!!!!! Che caratteristiche avrà il sapone ottenuto? Potrò usarlo lo stesso? Non vorrei buttare tutto... grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Non buttare...
      Il problema può essere che li strutto ha un numero di saponificazione più basso del cocco, il totale della soda inserita potrebbe essere stato troppo. Devi misurarne il ph dopo circa una settimana da quando lo sformi e se fosse troppo alto Rilavora re a caldo aggiungendo oli.

      Elimina
  13. Ciao Claudia grazie per tutte le mille idee che ci regali..sto facendo l o l'eolico d iperico..ma non trovo una ricetta adatta per un sapone.mi aiuti? Ps sia in olio d oliva che il olio di girasole e riso, grazie ancora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potresti creare un buon sapone curativo solido usando 80% oliva, 10% girasole e 10% riso.
      Oppure creare un sapone liquido col metodo contenuto in queste ricette: http://www.glialchimisti.com/search/label/SAPONE%20LIQUIDO
      100% oliva saponificato (oleolito di iperico) e dopo il termine della preparazione aggiungere mezzo bicchiere di oleolito in girasole. Questa seconda preparazione per snaturare il meno possibile l'oleolito e creare un sapone fortemente curativo.

      Elimina
  14. "Un sapone molto saponoso", commento di un amico. Considerando che era la prima volta in vita mia che facevo il sapone, è riuscito bene, fa molta schiuma, è delicato e non mi lascia la pelle secca. Unica nota, ha un leggero odore tostato, non so se sia il caffè o la soda, ma visto che la ricetta ha funzionato, non mi preoccupo. Continuerò a sperimentare i vostri saponi! x

    RispondiElimina

Cerca nel blog

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

RICORDIAMOCI SEMPRE CHE...

L'INGREDIENTE SEGRETO DEL SAPONE: la SODA CAUSTICA (idrossido di sodio) informazioni e rassicurazioni...

È l'ingrediente segreto perchè è il trucco insostituibile perchè l'olio diventi sapone, perchè c'è ma non si vede e non si s...