giovedì 10 marzo 2011

COME TRASFORMARE IL SAPONE SOLIDO IN SAPONE LIQUIDO?

Il sapone solido ha molti vantaggi: dura di più, non occorrono ingombranti imballaggi, non va a male...anzi più invecchia più migliora!, è comodo da trasportare ovunque perchè non si può rovesciare...
Talvolta però risulta più comodo usare il sapone liquido, quando si vuole un sapone molto delicato ma si preferisce non avere una bavosa saponetta sul lavello, quando per lavare un bambino è più pratico premere il dosatore che far schiumare la saponetta... beh poi soprattutto dipende dalle abitudini, io credo che sia sempre meglio un buon sapone solido, ma per alcune formulazioni mi sono accorta che la versione liquida può essere equivalente.
Insomma come si fa a fare il sapone liquido?

Il metodo che l'arte saponiera ci insegna per creare il sapone liquido è quello di usare, al posto della soda caustica, l'idrossido di potassio, ma richiede diverse fasi che io ho ritenuto troppo complicate per i miei gusti.
Ho provato quindi a farlo partendo dai miei saponi solidi, da quelli che per la natura dei loro componenti sono più morbidi e bavosi: il Cremino e la Rosa Lenitiva.
Un altro sistema è quello di utilizzare il metodo a caldo di preparazione del sapone (partendo però da soda e oli, e non da saponi già solidi) come spiego invece nel post: Sapone liquido idratante delicato.

RICETTA PER TRASFORMARE SAPONI SOLIDI IN SAPONE LIQUIDO:

Ingredienti:
sapone solido a pezzi o meglio a scaglie
acqua q.b. (circa sei volte tanto il peso del sapone)

Preparare con un coltello o con una grattugia le scaglie o i pezzetti di sapone, più sono piccoli meglio è, ma prima o dopo si scioglie comunque.
Metterli in una pentola che possa avere una capienza sufficiente per tutta l'acqua che andremo ad aggiungere, versare un po' di acqua per far iniziare a sciogliere il sapone, accendere il fornello e mescolare un po'.
Lasciare andare un po' di tempo (dipende dalla quantità di sapone, comunque circa un quarto d'ora), poi mescolare ancora e se sobbolle aggiunere ancora acqua. Cercate di far sciogliere tutti i pezzi di sapone aiutandovi a schiacciarli con un cucchiaio e mescolando, poi lasciate scaldare ancora fino a che non sobbolla di nuovo. Aggiungere altra acqua e continuare così fino a che la pasta in un tutt'uno con l'acqua non sia diventata molto liquida, quasi come un olio (deve essere più liquida di un sapone liquido perchè raffreddandosi si addenserà).
A questo punto far raffreddare un po', quando è tiepida mescolare con un minipimer (se si vogliono aggiungere oli essenziali è questo il momento).
Versare quindi nei contenitori dispenser. Il sapone liquido è pronto!

N.B. Se, nonostante abbiate seguito le istruzioni alla lettera, il sapone fosse poco fluido, occorrerebbe semplicemente aggiungere acqua e riportare il tutto a sobbollire qualche minuto.
Potrebbe capitare perché la dose di acqua dipende da quanto il sapone è invecchiato, quanta acqua conteneva in origine, da quali grassi di base è composto.

77 commenti:

  1. la dose di 6 parti di acqua è molto scarsa, a me ce n'è voluta moltissima di più..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. chiedo scusa, anch'io sto provando a fare del sapone liquido da vecchie saponette, ma continua a indurirsi, come faccio a farlo rimanere liquido? Grazie

      Elimina
    2. Ciao. Sì, continua aggiungendo acqua, il sapone più è vecchio e minore è la quantità di acqua che contiene, dunque ne richiede di più. Sarà della giusta consistenza una volta raffreddato solo se mentre è caldo è liquido come acqua. Fammi sapere, buon lavoro...

      Elimina
  2. Eh sì, con un sapone molto invecchiato sicuramente ne occorre di più... minore è la quantità d'acqua residua nel sapone solido, maggiore è quella che serve per scioglierlo bene. A volte anche la fiamma troppo alta può far asciugare l'acqua troppo in fretta rendendone necessaria una quantità maggiore. Spero che ti sia riuscito comunque, buona serata!

    RispondiElimina
  3. domanda: ma non va poi a male? ho un sacco di saponette che vorrei far diventare liquide, ma ho paura che vadano a male, meglio farne poca quantità alla volta? o si può aggiungere qualcosa? ho letto che gli oli essenziali evitano la formazione della muffa ma le saponette sono già profumate e quindi non posso mettere oli essenziali...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se fatto con sapone fatto in casa sei sicura che sia abbastanza basico da non andare a male per un tempo ragionevole, se fatto con saponette industriali potrebbero essere state rese a ph neutro e quindi durare meno una volta liquide, puoi liquefarne poche per volta, il riscaldamento dell'acqua e del sapone a temperatura alta comunque garantisce una durata di qualche mese se ben conservato in un dispenser. Se trovi che il profumo di un olio essenziale antibatterico come il tea tree poi possa abbinarsi alle prof umazioni presenti, puoi provare ad aggiungerne un po' e sicuramente ne aumenterai la durata! Ti auguro buoni esperimenti, fammi sapere come e' andata!

      Elimina
    2. Ciao, ma questo meraviglioso sapone posso usarlo sia come bagnoschiuma che come detersivo x lavatrice??
      grazie.
      Cristina

      Elimina
    3. Ciao, puoi usarlo come preferisci, dipende da quali saponette parti...

      Elimina
  4. e quando si fredda non solidifica?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No...se tende ad essere troppo poco liquido, può essere dovuto all'uso di un sapone molto stagionato, in tal caso basta ripetere la procedura con un po' di acqua in più! Dopo averlo fatto qualche volta, comunque, ci si accorge ad occhio se la quantità di acqua messa e' sufficiente...

      Elimina
  5. grazie mille, proverò con il sapone alla glicerina che uso per testiera e sella(del cavallo). anchè perchè costa abbastanza quello già liquido e vorrei risparmiare un po'=).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie claudia sei stata di aiuto o tante di quelle saponette che non sapevo cosa fare proverò il tuo consiglio

      Elimina
  6. sono un erborista laureato alla facoltà di farmacia mi piace tantissimo fare saponi vorrei farne una professione, puoi suggerirmi come fare per cominciare considerà che non ho molte risorse grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, scusa il ritardo... per poter fare saponi destinati alla vendita bisogna avere come "supervisore alla produzione" una persona laureata in farmacia (laurea quinquennale) o chimica farmaceutica, oltre ai locali adatti (con approvazione della asl). Purtroppo la laurea in erbristeria non basta, però puoi sempre chiedere a qualcuno che ha i requisiti di lavorare per te (anche solo mettendo la firma sotto il processo di produzione) e poi produrre tu i saponi...credo che con tanta volontà si possa fare senza grandi difficoltà, però non so dirti altro perchè quando abbiamo deciso di commercializzare i nostri saponi,noi li abbiamo fatti fare su nostra ricetta ma ad un produttore esterno. In bocca al lupo!

      Elimina
  7. Posso metterlo in una boccettina e usarlo per lavarmi le mani, o addirittura il viso?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. questo è solo un metodo, gli usi del sapone liquido ottenuto dipendono dal sapone solido di partenza: se avrai reso liquido il sapone da bucato avrai del sapone da bucato liquido, se avrai reso liquido del sapone per viso o mani avrai del sapone da viso o mani liquido. Unica eccezione: se si rende liquido il sapone fatto in casa (di cui conosciamo bene la composizione) e ad un sapone piuttosto aggressivo aggiungiamo un poco di olio non saponificato, esso risulterà più delicato.

      Elimina
  8. @ Dario: questo è solo un metodo, gli usi del sapone liquido ottenuto dipendono dal sapone solido di partenza: se avrai reso liquido il sapone da bucato avrai del sapone da bucato liquido, se avrai reso liquido del sapone per viso o mani avrai del sapone da viso o mani liquido. Unica eccezione: se si rende liquido il sapone fatto in casa (di cui conosciamo bene la composizione) e ad un sapone piuttosto aggressivo aggiungiamo un poco di olio non saponificato, esso risulterà più delicato.

    RispondiElimina
  9. salve a tutti..volevo chiedere se era possibile fare questa operazione anche con gli ormai famosi saponi solidi della lush..sono dei saponi naturali, come dicono loro, e fra gli ingredienti non compaiono conservanti...secondo voi è possibile trasformarli in sapone liquido? purtroppo non mi ci son trovata bene perchè si scioglie tutto a contatto con l'acqua e con quel che costa vorrei poterlo utilizzare al meglio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ricordo male i saponi lush non sono fatti con grasso e soda, bensì con tensioattivi già pronti, in tal caso non credo che si possa usare lo stesso identico metodo che con un sapone veramente naturale: scrivimi l'inci così ti do un'informazione precisa.Ciao!

      Elimina
    2. sei stata molto più veloce di quel che credevo! :) ti allego qui di sotto la lista degli ingredienti del "signore dei granelli" e ti ringrazio ancora per la disponibilità!

      Elimina
    3. Non c'è la lista ingredienti... Me la invii via mail? info@glialchimisti.com poi magari la posto io con la descrizione ingredienti

      Elimina
  10. Ciao, mi spiace a me si solidifica tutto. cosa ho sbagliato? come posso rimediare?
    grazie.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima di tutto una domanda: da quale sapone solido sei partito? Se si trattava di un sapone naturale (fatto con soda e grassi) allora si puo' rimediare tranquillamente ripetendo la procedura con piu' acqua.

      Elimina
    2. Ciao scusa ma per sbaglio ho eliminato il tuo ultimo commento: comunque l'ho letto ed ecco la risposta. Allora, sono contenta che ti fosse sembrato tutto molto semplice, perché davvero e' semplice! Solo che un sapone molto invecchiato necessita di più acqua per liquefarsi, e probabilmente le tue saponette erano molto secche: non c'è alcun rischio di far andare a male il sapone lavorandolo e rilavorandolo, anzi più sobbolle e più sara' difficile che vi attecchiscano germi, inoltre se le saponette di partenza erano "sapone vero" e non tipo Dove o Lush, dovrebbero essere basiche e dunque garantirti contro ogni rischio di proliferazione batterica. Aggiungi altra acqua e rilavora il sapone, da caldo deve essere molto liquido, perché poi la tipica consistenza vischiosa la prenderà raffreddandosi. Buon lavoro!

      Elimina
  11. Prima di tutto una domanda: da quale sapone solido sei partito? Se si trattava di un sapone naturale (fatto con soda e grassi) allora si puo' rimediare tranquillamente ripetendo la procedura con piu' acqua.

    RispondiElimina
  12. Ciao, ho appena fatto del sapone fatto in casa con olio d'oliva e soda caustica. Dopo averlo tagliato a pezzi per metterlo a stagionare, ho conservato le scaglie di scarto dei tagli (circa 50 gr). Posso utilizzare subito queste scaglie per trasformarle in sapone liquido, oppure devo aspettare la stagionatura come le saponette?
    Grazie
    Maddalena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi provare ad usarle subito, con la cottura del sapone liquido dovrebbero perdere ogni traccia di soda libera, pero' per sicurezza al termine misura il PH, e comunque nel dubbio fai sobbollire un po' di più aggiungendo una dose maggiore di acqua...

      Elimina
  13. Ciao Claudia! Ma per sapone naturale intendi il Marsiglia? Xke io sono pieno di saponette di Marsiglia quelle Proprio originali senza profumo e vorrei trasformarle in liquido da bucato xke trovo che mi secchino troppo la pelle!!!!ti ringrazio!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anche...intendo tutti i saponi prodotti con soda e grassi. Se ti è stato venduto come sapone di marsiglia e poi è risultato troppo aggressivo può essere che fosse costituito da troppo olio di cocco saponificato che per l'uso personale non è indicato come grasso principale. In tal caso verrà un ottimo sapone liquido da bucato...puoi poi aggiungere, ma al termine della lavorazione, quando si sarà intiepidito, qualche olio essenziale indicato per il bucato come lavanda o verbena.

      Elimina
    2. Ho comprato delle saponette etichettate come naturale, "vero Marsiglia" al miele (Nesti Dante - Firenze).
      Gli ingredienti sono: sodium palmate, sodium cocoate, sodium palmate, parfum, mel, tetrasodium EDTA, tetrasodium etioronate, butylphenyl, methilpropional, alpha-isomethyl, ionone, benzyl, salicylate, citronellol, limonene, geraniol, hexyl cinnamal, linalool. Sarà possibile trasformarlo in sapone liquido per le mani o per la doccia? E' meglio aggiungere un po' di olio di oliva (e se quanto?) e dell'aceto, che dici?
      Grazie!

      Elimina
    3. Puoi provare, l'aceto lo eviterei. L'aggiunta di olio invece potrebbe essere molto utile....ciao!

      Elimina
  14. Grazie mille!!!appena riesco provo!!!non so se posso scriverti proprio il sapone cioè la marca!sono new a queste cose ma mi hai aiutato tantissimo lo stesso!!!!grazie e buona giornata!!!!

    RispondiElimina
  15. Salve! Ho fatto il sapone consigliato da te,partendo da una saponetta di marsiglia 100% vegetale(comprata in erboristeria), Secca un pò la pelle (ph9 ), e risulta bavoso. Come posso sistemarlo! Grazie mille
    nina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Spesso le saponette 100% vegetali che si trovano (anche a caro prezzo) in erboristeria, sono composte in gran parte da olio di cocco e di noccioli di palma, che, oltre ad avere dei gran problemi di sostenibilità ambiantale, danno un sapone estremamente aggressivo e "seccante", per questo probabilmente il tuo sapone liquido secca la pelle, non dipende invece sicuramente dal ph, che nei saponi è sempre oscillante tra 8 e 9, senza dare alcun problema (si sciacqua...).
      A questo problema puoi provare ad ovviare aggiungendo una piccola percentuale di olio libero (5%) da miscelare bene con il resto magari facendo risobbollire tutto, aggiungi pure olio di oliva da cucina, è perfetto! Non è detto che risolva ma sicuramente il sapone migliora.
      Con la nuova sobbollitura si asciugherà un po' di acqua in eccesso che probabilmente è la causa del suo essere "bavoso"... fammi sapere!

      Elimina
  16. Ciao, è possibile ottenere sapone liquido anche partendo da saponette neutromed (con tensioattivi)? Quali potrebbero essere le controindicazioni?
    Gli ingredienti del sapone in questione sono:
    disodium lauryl sulfosuccinate, sodium cocoyl isethionate, cetearyl alcohol, talc,stearic acid, triticum vulgare starch, glycerin, Hydrogenated castor oil, aqua, decyl glucoside, sodium trideceth sulfate, parfum, citric acid, paraffinum liquidum, sodium lactate, panthenol, CI 77891

    Grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Scusa il ritardo nella risposta! Non saprei cosa possa venir fuori da questo sapone...potrebbe avere una consistenza un po' diversa da quella che ho descritto, magari essere poco uniforme visto che mi sembra che parte della sua solidità dipenda da amido e talco: puoi provare comunque, tanto non perdi granchè, a mio parere questo è un pessimo sapone...;-)

      Elimina
  17. Ciao Claudia, ho misurato il sapone fatto da me con il test composto da provetta e gocce (quello degli acquari!).
    Il ph mi risulta 10!!! secondo te è normale? o tensi che no sia il metodo adatto per la misurazione? Inoltre come si fa a regolare il ph per renderlo più acido?
    Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La misurazione va bene fatta con qualunque misuratore, per sicurezza puoi rifarla... Se è sempre 10 allora la soluzione dipende da quale sapone hai fatto da te: questo descritto nel post non credo perchè trasformando sapone solido in liquido non se ne cambia il ph, se invece Quello che hai fatto è un sapone solido, può essere successo che tu abbia sbagliato il calcolo della soda, oppure che non sia abbastanza invecchiato; se hai fatto un sapone liquido, probabilmente devi lasciarlo riposare qualche giorno, e poi riprovare il ph. Per aggiustare il PH del sapone solido occorre rilavorarlo, per quello liquido invece puoi aggiungere un po' di acido citrico. Ma prima di aggiustare il PH controlla di averlo fatto invecchiare a sufficienza.

      Elimina
    2. Grazie Claudia, il sapone che ho misurato è un sapone fatto da me come anche il sapone liquido. Quanto tempo deve invecchiare per essere esufruibile?
      In caso volessi aggiustare il ph cosa devo fare?
      Grazie ancora

      Elimina
    3. Ciao, il sapone solido deve invecchiare almeno due mesi, ma meglio se sono tre. Quello liquido se è basico deve cuocere ancora...il ph in quello liquido si può aggiustare con un po' di acido citrico, in quello solido bisogna prima renderlo liquido per farlo...

      Elimina
  18. Ciao, quando metto il sapone e aqua in pentola, devo coprire con il coperchio? grazie ciaoo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Sì. Meglio mettere il coperchio altrimenti rschia di evaporare troppa acqua e di risultare un sapone poco liquido...

      Elimina
    2. ciao claudia,io ho imparato a fare il sapone con olio di oliva soda caustica e acqua....sto provando a farlo liquido ma dopo un mese ha un odore sgradevole.....perchè??grazie

      Elimina
    3. Ciao, se lo hai fatto rendendo liquido il sapone solido potrebbe essere perchè hai usato come sapone di partenza delle saponette industriali che sembrano sapone ma non lo sono (dove o neutromed etc..con ph neutro o acido) e che quindi non hanno il ph basico che serve a conservare il sapone.
      Se lo hai fatto partendo invece da olio soda e acqua secondo questa ricetta del sapone liquido: http://www.glialchimisti.com/p/preparazione-del-sapone-liquido.html , allora gli unici errori possibili sono:
      - aver usato Soda Solvay (carbonato di sodio) invece che Soda Caustica (Idrossido di sodio) e che quindi non sia avvenuta la reazione completa
      - aver sbagliato le dosi della soda caustica mettendone troppo poca
      Fammi sapere, buon giornata!

      Elimina
    4. ciao claudia, spero che tu possa leggere il mio messaggio perché sono un po' disperatina , ho grattato del sapone comprato al Carrefour... è nadato tutto bene solo che non schiuma per niente ed è un po blobboso, sembra un gelo mal amalgamato, è normale?

      Elimina
    5. Dipende dal sapone che hai comprato e grattato...scrivimi la marca e gli ingredienti

      Elimina
  19. Ciao, sono quello ke ti aveva chiesto se metetre il coperchio.. cmq feci un primo tentativo, tritai il sapone con la grattuggia del parmiggiano, quindi uscì molto fino, alla fine quando tolsi tutto dalla pentola, lo misi in una confezione per sapone liquido, il giorno dp, il sapone era molto solido, che nemmeno riusciva ad essere tirato dalla cannuccia, allora aggiunsi dell'acqua a freddo, ed in questo modo riesco ad usarlo, aggiungo acqua man mano ke è troppo solido, miskio ed il sapone esce, ora mi kiedo, perkè mettere il sapone nel pentolino? non si puo fare tutto a freddo, tritando il sapone e mescolarlo ad acqua fredda? cosa cambia?
    grazie mille per il tuo aiuto, Matteo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! facendo tutto a freddo ci sono due contrattempi che possono verificarsi:
      - è più difficile far sciogliere bene le scaglie di sapone grattugiate
      - se si salta la fase della sobbollitura il sapone tende a separarsi dall'acqua
      Questo non accade se devi solamente allungarlo come stai facendo tu probabilmente perchè la pasta di sapone è già amalgamata ad una buona dose di acqua ed è più semplice che ne incorpori altra.

      Elimina
    2. ok grazie mille!

      Elimina
  20. Nel provare a renderlo liquido, nella pentola si è formata la schiuma, è un problema?

    RispondiElimina
  21. P.S. sono partita da un sapone fatto in casa con olio d'oliva e soda caustica che ha stagionato circa 60 gg

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, non è un problema, capita se lo si mescola un po' ma non ne modifica le caratteristiche! Ciao!

      Elimina
  22. Ciao,posso usare questa ricetta anche per recuperare saponi solidi da me preparati ma che non sono induriti per bene?e se sì, è meglio comunque che ne attenda la completa stagionatura di un mese?grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente puoi usare i tuoi saponi, anzi sono l'ideale! Meglio aspettare se non tutta la stagionatura, almeno una settimana o due e comunque controllare il PH, perché cuocendo sicuramente la reazione accelera, ma non sappiamo di quanto...

      Elimina
  23. ciao...ho letto i vari post.....io ho fatto circa un mese e mezzo fa' del sapone fatto in casa...all'olio di oliva con il processo a freddo con la soda caustica.....ho provato a renderlo liquido ma leggendo sui vari siti e provando le varie ricettine ad oggi ancora non riesco a fare un sapone liquido....xchè una volta raffreddato mi resta troppo liquido...forse le dosi fino ad ora provate erano solo bufale...?...un GRAZIE Infinito...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non saprei... con queste dosi è più frequente che rimanga troppo vischioso piuttosto che liquido, ma accade a chi scioglie sapone già stagionato, in genere. Prova e poi fammi sapere: ricorda che il segreto è farlo sobbollire a sufficienza.

      Elimina
  24. Ciao a tutti, volevo chiedervi un consiglio. Ho fatto sciogliere del sapone sole da bucato in acqua, dentro una pentola, per poter fare il sapone da bucato liquido. l"ho imbottigliato ma raffreddandosi si è risolidificato. come faccio a farlo rimanere liquido?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrebbe essere stato già molto stagionato: è sufficiente rimetterlo in pentola aggiungendo acqua e riportarlo a sobbollire.
      Se non ne hai voglia puoi aggiungere semplicemente acqua calda nel flacone, e agitare bene...però in questo caso in futuro potrebbe separarsi: non è un problema, basta agitarlo prima dell'uso.

      Elimina
  25. Ciao! Io ho appena fatto un sapone con il metodo a caldo che è venuto troppo molle. Posso riscioglierlo subito anche se è così morbido? Oppure che metodo potrei usare per far asciugare in fretta le saponette (ne avrei bisogno subito)
    Grazie!
    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi sicuramente riscioglierlo subito, usando meno acqua di quella indicata in questa ricetta però...
      altrimenti puoi provare a farle essicare in forno a circa 20 gradi o poco più.
      Fammi sapere!

      Elimina
  26. Ciao! Io ho fatto una schiuma da barba in cui c'è un 10% di sapone fatto da me, un 58% di acqua, e il resto oli e burri vari. E' venuto bene, il pH è 8.5, ma siamo sicuri che non serva il conservante anche con tutta questa acqua? Il pH basico basta a farlo conservare (che po 8.5 non è basicissimo!)? Anche perchè, se va conservato, io ho solo il cosgard che lavora con pH inferiore a 7..La devo regalare e non vorrei fare brutte figure.. Grazie :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora: chiarisci al destinatario del regalo che è fatto in casa a mano senza conservanti, dunque è meglio se non lo lascia in un cassetto per anni... Per il resto, può benissimo affrontare un uso e una conservazione normale, perchè l'acqua è sobbollita (l'hai usata per far sciogliere il sapone, vero?). Una curiosità: mi scriveresti la ricetta per intero: mi incuriosisce molto!

      Elimina
  27. Ciao vorrei chiederti se è possibile fare sciogliere per portarlo a liquido anche il sapone di aleppo non mi piace la profumazione vorrei aggiungere qualche essenza...poi ho fatto il tuo sapone liquido idratante è venuto bene anche se non ha fatto il nastro non avevo un termometro serio per controllare la temperatura di soda e olio ma poi cotto è venuto buono ho preso le cartine tornasole quelle per le urine che vanno fino a Ph 8 ed è 8 più o meno siccome lo devo regalare come regalo di natale, tu che dici i mi fido?al tatto da una bella sensazione grazie mille

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se si sciacqua facilmente significa che non è troppo basico, fai questa prova, di solito un sapone troppo basico lascia sulle mani una viscidezzactipo candeggina anche dopo averlo sciacquato. Puoi sciogliere e profumare il sapone di Aleppo, è una buona idea!

      Elimina
  28. Ciao Claudia ho appena trasformato dei vecchi pezzi di sapone (fatto da me) ed ho ottenuto un ottimo risultato.
    I tuoi consigli sono stati preziosi.
    Ciao e grazie
    Maxx

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Aiuto! L'ho appena fatto. Mi era venuto della giusta consistenza, liquido al punto giusto, ma raffreddandosi è diventato un unico, solido blocco. Sono partita dal sapone di Marsiglia, quello puro ed è tutto il pomeriggio che cci lavoro. Che cosa posso avere sbagliato?
      Mimì

      Elimina
    2. Ciao, allora, "sapone di marsiglia puro" non è una definizione che mi illumini perché in commercio viene chiamato così qualunque sapone: da quello da bucato a base di tensioattivi sintetici o strutto, a quello vegetale a base di cocco e semi di palma, a quello solo oliva, a quello palma cocco oliva (che è il vero marsiglia, come abbiamo scoperto l'estate scorsa...)...insomma, potrebbe essere un sapone derivato da tensioattivi sintetici e dunque dal comportamento imprevedibile, oppure semplicemente un sapone molto stagionato, che dunque aveva bisogno di più acqua. Prova ad aggiungere acqua e far sobbollire di nuovo. Il risultato finale caldo deve essere liquidissimo (tipo acqua) in modo che una volta raffreddato diventi della giusta consistenza. Non ti preoccupare comunque, aggiungi acqua finché non è perfetto e vedrai che prima o poi lo sarà!

      Elimina
  29. Ciao Claudia mi trovo ad avere un sacco di saponette di vario tipo anche a forma di animali o frutta e altre ancora ke la mia povera mamma usava tenere nei cassetti x profumare la biancheria non mi sono sentita di buttarle però vorrei utilizzarle e vorrei chiederti se devo grattugiarle x farle scioglierle meglio poi se posso usalo o la lavatrice oltre ke x le mani e magari x un sapone spray x pulire grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dipende dalle saponette, ma da come le descrivi dovrebbero essere tutte da uso personale, quindi il sapone liquido che ne ottieni sarà da uso personale...probabilmente ti piacerà così tanto da ritenere uno spreco usarlo per la lavatrice!

      Elimina
  30. io lo vorrei fare con il classico sapione di marsiglia per lavare biancheria,ma li farei come bagno schiyma,e possibile?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se scegli un sapone da bucato (chiamiamolo così perché non è un classico marsiglia) prodotto con grassi vegetali o animali e senza tensioattivi sintetici né altre aggiunte come sbiancanti o altro: puoi farlo. Magari aggiungendo un po' di olio di oliva nella mistura, in modo che risulti meno aggressivo. Buon lavoro!

      Elimina
  31. ciao, io ho visto che giocando con la quantità di acqua si può avere un sapone cremoso o molto liquido...
    Ora sto cercando di fare del sapone liquido per bucato con l'aggiunta di bicarbonato di sodio; quanto bicarbonato devo mettere e quando metterlo?
    Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sicuramente devi metterlo quando il sapone è quasi freddo. O freddo, se riesci comunque a mescolare...
      Mettine due cucchiaini per litro...ma fai delle prove...noi non l'abbiamo mai aggiunto!
      Fammi sapere

      Elimina
  32. Ho fatto il classico sapone di Marsiglia quello esclusivamente di olio di oliva, se decido di renderlo liquido, seguendo il tuo procedimento, poi lo posso usare sia per la lavatrice che come semplice bagnoschiuma? Prima di renderlo liquido devo aspettare la completa stagionatura di 40 giorni o posso farlo prima.
    Grazie e Buon lavoro!
    Monica

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, dipende da quanto sconto hai applicato alla ricetta: la differenza principale tra sapone per la persona e sapone da bucato è questa... in genere nel sapone da bucato non si applicano sconti. Lo puoi rendere liquido con il nostro metodo anche subito, ma prima di aggiungere l'acqua devi farlo cuocere in modo da completare la sua reazione e stagionatura (vedi metodo per sapone liquido pronto subito)...

      Elimina
  33. Ciao Claudia, mi chiamo Augusto e ti scrivo dalle Canarie. Grazie ai vostri preziosi consigli mi sono appassionato ancora di piu' ad autoprodurre sapone e a sperimentare. Vorrei sottoporti a dei quesiti affinche' io possa essere certo di non fare cavolate. Sto provando a fare del sapone liquido, partendo da dei saponi che ho realizzato solo con olio di oliva e soda. La tecnica che sto utilizzando e' quella di grattugiare il sapone, metterlo in una ciotola con acqua e frullarlo a freddo con il minipimer, senza bollitura. Per raggiungere la consistenza densa che preferisco aggiungo della farina di riso e un pizzico di bicarbonato e mi vien fuori un sapone a dir poco perfetto e sulla pelle e' una meraviglia. Il dubbio pero' sta proprio su questo procedimento. Saltando la bollitura e aggiungendo la farina potrebbe rovinarsi piu' facilmente con il tempo? La bollitura e' importante ai fini della "sterilizzazione" del sapone? Grazie mille e buon lavoro!

    RispondiElimina

il nostro blog di riflessioni ed informazioni:

Seguici! Clicca qui sotto per diventare un lettore fisso del nostro blog!