sabato 20 novembre 2010

SHAMPOO NUTRIENTE BIRRA E KARITE'

Shampoo solido lucidante e nutriente per capelli normali, spenti, secchi o trattati. 
Alla Birra e al Burro di Karité.


Shampoo solido lucidante, nutriente e ristrutturante per capelli secchi, sciupati o trattati.
La Birra con cui è prodotto questo shampoo ha un effetto lucidante e fortificante, l’alta percentuale di Burro di Karité rende i capelli morbidi, nutriti e sani, l’Olio di Riso ringiovanisce la fibra capillare.
Contiene Olio Essenziale di Arancio dolce che dona lucentezza ai capelli spenti, e Olio Essenziale di Ylang Ylang che nutre in profondità. Questi Oli Essenziali caratterizzano inoltre questo shampoo con un delicato profumo.


Utilizzo:

Lo shampoo solido è molto più pratico nell’utilizzo e più compatto nel trasporto dei tradizionali shampoo liquidi.
Istruzioni d’uso: strofinare lo shampoo solido sui capelli bagnati fino a ottenere una ricca schiuma, massaggiare con le dita, risciacquare bene, eventualmente ripetere.
Per chi ha una vita attiva, questo shampoo solido può egregiamente sostituire il docciashampoo poiché è anche un ottimo sapone idratante e nutriente per il corpo.

Per questa ricetta devo assolutamente anticipare che l'abbiamo tratta (interpretandola a modo nostro) dal libro di P.Garzena e M.Tadiello "Il tuo sapone naturale".

Ricetta per 1 kg di grassi:

INGREDIENTI:

gr 500 olio di oliva
gr 150 olio di arachidi
gr 150 olio di riso
gr 100 burro di karité
gr 100 olio di ricino

gr 200 acqua
gr 150 birra concentrata (equivalgono a 330 gr di birra bionda normale, una lattina) e mezzo cucchiaino di sale

gr 130 idrossido di sodio (soda caustica)

ml 10 o.e. ylang ylang
ml 10 o.e. arancio dolce
Preparare la birra due o tre ore prima: mettere 330 gr di birra in un pentolino con il sale e scaldare a fuoco lento fino a che il peso non sia diventato 150 gr (ogni tanto la versate in un barattolo e controllate il peso). Poi lasciere raffreddare completamente la birra concentrata.
Preparare la soluzione di acqua e soda caustica (facendo attenzione a non ustionarsi: usare i guanti e magari una mascherina), quando la soda è sciolta, aggiunere lentamente la birra concentrata e lasciare raffreddare fino a una temperatura di circa 45°.
Mentre la soluzione raffredda, pesare in una pentola d'acciaio tutti i grassi e farli scaldare fino a raggiunere anche una temperatura di 47°. La temperatura è più alta del normale per evitare che il sapone si ammassi troppo in fretta.
Preparare intanto, in un piccolo contenitore a parte, tutti gli oli essenziali miscelati insieme.
Quando tutto è a temperatura, versare la soluzione della soda nella pentola dei grassi, dare qualche mescolata con un cucchiaio, quindi procedere a miscelare tutto con il frullatore ad immersione.
Dopo pochissimo tempo il composto di addenserà, appena la consistenza diventa simile a quella della maionese, e si può "scrivere" sulla superficie del sapone (momento del "nastro"), fermarsi, aggiungere gli oli essenziali, mescolare ancora un po' e versare il composto nello stampo o neli stampi scelti.
Avvolgere gli stampi in una coperta e custodire al caldo (vicino ad un termosifone d'inverno, o comunque al caldo) per diverse ore. Dopo un giorno, sformare il sapone e lasciarlo in un luogo fresco asciutto e arieggiato a essicare per circa due mesi.
SE USI GLI SHAMPOO NATURALI SOLIDI NON HAI BISOGNO DEL BALSAMO PERCHÉ ESSI NON INARIDISCONO I CAPELLI COME INVECE FANNO I TRADIZIONALI SHAMPOO CON TENSIOATTIVI SINTETICI!
OLTRETUTTO NON ABBIAMO ANCORA TROVATO UN BALSAMO DOPO-SHAMPOO REALMENTE ECOLOGICO...

48 commenti:

  1. Gli oli esseziali non andrebbero miscelati ad un amido che farebbe da fissatore? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In genere è una buona idea, ma nello shampoo solido è meglio di no perché rischia di dare un effetto opaco ai capelli. Ciao!

      Elimina
  2. ciao! vorrei provare la ricetta e volevo chiederti se posso sostituire l'olio di ricino con olio di semi di lino o altro. Stesse quantità? grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao! Per gli shampoo solidi L'olio di ricino è Indispensabile... Rende la schiuma fine e ricca e crea un sapone che non appesantisce i capelli...cerca di procurartelo!

      Elimina
  3. Ciao, l'ho provato...ho passato un mese d'inferno ( tra l'altro ho i capelli lunghi) con capelli che variavano dall'unto più unto alla stoppa vera e propria... è stata dura resistere ma adesso posso dire che lo shampoo è meraviglioso, i capelli restano morbidissimi ed effettivamente, per la prima volta in vita mia, non ho più nessuna necessità del balsamo. Grazie mille per aver condiviso la ricetta
    Eleonora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per aver condiviso la tua esperienza: noi spesso lo diamo per scontato, ma sbagliamo, tante persone si lasciano scoraggiare dai primi risultati che possono (come racconti tu) non essere soddisfacenti, senza lasciare che il proprio corpo riprenda confidenza con i prodotti naturali e si disintossichi. Soprattutto sui capelli i prodotti tradizionali applicano strati e strati di silicone, agenti polarizzanti che districano semplicemente perchè rendono i capelli di polarità opposte ma che alla lunga sono aggressivi e oltretutto sono uno sfacelo per l'ambiente acquatico dove li buttiamo. Per questo ci mettono molto tempo per liberarsene e poter mostrare tutta la loro naturale bellezza. Sono davvero felicissima che tu abbia avuto la tenacia di tenere duro e abbia condiviso un bellissimo successo! Eleonora 1 - siliconi 0!

      Elimina
  4. Ciao, sono davvero incuriosita dallo shampoo solido e penso che lo proverò in ogni caso. Però molti commenti trovati sul web mi hanno messo la pulce nell'orecchio in quanto parrebbe che soluzioni basiche non vadano bene sul capello se utilizzate a lungo termine perché anziché compattare il capello lo squamano sfibrandolo.
    Sei d'accordo con queste affermazioni? (che vanno per la maggiore su qualsiasi forum di autocosmesi et similia :\)
    Grazie mille,
    Marion

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non sono d'accordo, come puoi vedere dalle ricette che posto: ovviamente sono le stesse che uso per me stessa e per la mia famiglia. Se vuoi una breve spiegazione la trovi qui: http://glialchimistinotes.blogspot.it/2013/06/il-ph-del-sapone-naturale.html

      Elimina
  5. Ho letto l'articolo da te postato ma si parla di pelle e saponi, non di capelli. O devo immaginare che la frase "Tutti i prodotti detergenti che si presentano con un ph non basico, non sono saponi naturali." in realtà valga anche per i capelli?
    Ci sono altri metodi di lavaggio naturale per i capelli (ex. farina di ceci, e NON perché contiene saponine, ipotesi che sembra andare per la maggiore ma che pare anche essere smentita da chi è più pratico di chimica es Zago).

    Grazie se vorrai continuare ad argomentare, e in caso contrario grazie per la prima risposta ;)

    Marion

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, la frase che citi, naturalmente vale per tutti i saponi, compresi quelli chiamati comunemente shampoo, che derivano spesso da tensioattivi sintetici o da oli tropicali coltivati intensivamente e deforestando. Quindi ribadisco che tutti i saponi naturali e sostenibili sono basici. Con ciò non voglio arrogarmi alcun tipo di conoscenza "superiore", tutto quello che so viene dall'esperienza, dalla lettura dei testi più elementari di chimica e dell'erbario, nonché dal buonsenso (che non guasta mai). Non ha senso chiedere a me di argomentare sui motivi per cui scelgo e propongo ricette di shampoo solido naturale sostenibile, basico e fatto in casa con l'olio d'oliva come base: non ha senso perché io ritengo che comunque valga la pena lavare i capelli con saponi naturali, perché ho provato a farlo e lo faccio da anni e non accade nulla di tutto quello che scrivono i grandi esperti del web. I capelli migliorano e sono più sani, a vista d'occhio. Con tutto il silicone che sicuramente hai già spalato (consciamente o meno) sui tuoi capelli, credo che provare uno shampoo solido basico non cambierà radicalmente la struttura dei tuoi capelli, quindi il mio consiglio è di provare su di te e verificare da te. Risparmierai un sacco di tempo...

      Elimina
  6. Chiedevo di argomentare solo per la questione dell'effetto "apertura squame" sul capello. Era palese che tu ti trovassi bene e che promuovessi prodotti completamente naturali (cosa peraltro che condivido).
    Grazie per le risposte, proverò :)

    RispondiElimina
  7. CIAO VOLEVO CHIEDERE UNA COSA, E' POSSIBILE SCIOGLIERE IN ACQUA ANCHE QUESTO SAPONE, ED UTILIZZARLO LIQUIDO? SPERO CHE NON SIA UNA DOMANDA STUPIDA, SONO ALLE PRIME ARMI...GRAZIE IN ANTICIPO PER LA RISPOSTA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso di sì, potrebbe risultare un po' troppo liquido, ma l'efficacia rimane la stessa! Facci sapere come va!

      Elimina
  8. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

    RispondiElimina
  9. Ciao Claudia,
    scusa se mi accodo a questo post con questa domanda: se possibile, come si fa ad evitare l'effetto unto sul lavandino con i saponi solidi?

    RispondiElimina
  10. ciao claudia, come d'abitudine dopo lo schampo faccio il risciacquo con acqua e aceto ,ci sono controindicazioni con il sapone? grazie x i consigli............

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nessuna controindicazione! Anzi è un'ottima abitudine!

      Elimina
  11. Ciao Claudia, è possibile sostituire l'olio di riso con un altro olio ed avere lo stesso effetto?
    Grazie, Flavia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Puoi ottenere una buona ricetta sostituendolo con olio di cocco, ricordati di modificare la ricetta in base al nuovo calcolo della soda. Non sarà lo stesso identico effetto, potrebbe essere un po' meno adatto ai capelli molto secchi, ma davvero in modo impercettibile secondo me. Fammi sapere! Ciao!

      Elimina
  12. Ciao Claudia.
    Mi chiedevo se era possibile modificare la ricetta sostituendo alla birra i classici 300 gr d'acqua? Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, sicuramente si può...buon lavoro!

      Elimina
  13. Ciao...io mi sono procurata tutti gli ingredienti meno uno.....il burro di Karitè....è costosissimo! mi consigliate dove potrei trovarlo ad un prezzo abordabile? se no questo shampoo per me ha un costo che supera i 30 euro...grazie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ciao, prova nei negozi di alimentari etnici: di solito lo hanno grezzo...in barattoli da 250 gr.

      Elimina
    2. Ciao Claudia.
      Sono d'accordo con Mery, il burro di karitè è davvero troppo costoso anche per me.
      C'è la possibilità di sostituirlo con un altro ingrediente economico e facilmente reperibile? Oppure aumentare la dose dell'olio d'oliva con i grammi corrispondenti al karitè? Oppure sostituire il karitè con l'olio di cocco?
      Ti ringrazio anticipatamente per la risposta e per anche per il lavoro che fai per tutti noi. Un caro saluto!

      Elimina
    3. Si può sostituire, direi che il miglior sostituto (come caratteristiche del sapone) potrebbe essere il sego bovino, ma anche aumentare la dose di olio d'oliva va bene, si ottiene un altro shampoo però...

      Elimina
    4. un altro shampoo per capelli normali se si aumenta l'olio di oliva da 500 a 600 gr eliminando il karitè, giusto?
      E se al posto dell'acqua uso il gel ottenuto dai semi di lino biologici? E' possibile?

      Elimina
    5. Potrebbe essere uno shampoo più adatto a capelli un po' meno secchi, ma il forte sconto che questa ricetta prevede lo rende comunque inadatto a chi abbia capelli normali... credo che la cosa migliore sarebbe provare un'altra ricetta: anche per i capelli secchi lo shampoo così fatto risulta essere molto più delicato dei normali, quindi val la pena provare. Lo shampoo "stupefacente" alla canapa (http://www.glialchimisti.com/2014/04/shampoo-stupefacente-liquido-alla-canapa.html) è il più adatto (nella ricetta c'è scritto anche come farlo solido).
      Non ho mai provato a fare uno shampoo con il gel di semi di lino al posto dell'acqua, proverei, però!
      Grazie per l'idea e buon lavoro!

      Elimina
  14. Salve Claudia ho fatto questo sapone-schampo.Come sapone è eccezionale,secondo me superiore a qualunque altro.Come shampo l'ho provato solo una volta e non mi è piaciuto sui capelli ma insisterò.Non mi e venuto molto duro e si rammolisce molto quando lo uso.Io i saponi li tengo in uno scatolo di cartone tipo quello delle scarpe e mi stava ammuffendo poco poco ,meno male che me ne sono accorta.Adesso l'ho messo ad asciugare all'aria e lo voglio usare.Grazie mille sempre di tutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Può essere che il posto dove era messa la scatola fosse un po' umido, questo sapone è molto scontato, in effetti può essere meno durevole di altri...
      Potrebbe anche essere non adatto ai tuoi capelli: se non ti soddisfa prova un'altra ricetta, questa è davvero specifica per capelli molto secchi: ma non abbandonare lo shampoo naturale, prima o poi troverai quello adatto a te! Grazie e ciao!

      Elimina
  15. fatemi un in bocca al lupo...ho trovato tutto...ci provo!

    RispondiElimina
  16. Buonasera, vorrei sapere quanto sale bisogna mettere bella birra. Grazie mille e complimenti vivissimi.

    RispondiElimina
  17. Buonasera, mezzo cucchiaino... Come è scritto negli ingredienti ;-)

    RispondiElimina
  18. Ciao, vorrei provare questo shampoo e volevo sapere se l'olio di arachidi e quello di riso vanno bene quelli comprati al superercato? Grazie per tutti i consigli e le ricette che ci regalate!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ai fini della ricetta e della sua riuscita vanno benissimo!
      Ovviamente migliore è la qualità delle materie prime, migliore è la qualità di ciò che produciamo: la scelta di autoprodurre lo shampoo però è già una scelta radicale e rivoluzionaria, e per chi non può permettersi il lusso di autoprodurre biologico è comunque già moltissimo. Se tutti già facessero così, anche senza ingredienti bio, vivremmo in un mondo migliore. Un abbraccio! Grazie a te...

      Elimina
    2. Grazie mille! Proverò!!

      Elimina
  19. Ho fatto lo shampoo!!ma ieri è venuto a trovarmi mio papà il quale mi ha chiesto il perché dovesse stagionare per due mesi...così gli ho detto che la reazione non era completamente avvenuta e che il sapone era ancora caustico...così per curiosità abbiamo fatto la prova del ph: era 7!!!!!!!!!sono rimasta alquanto stupita O.O! abbiamo riprovato 3 volte!!!Come mai? cosa ho sbagliato? so che un sapone anche completamente stagionato dovrebbe avere ph 8\9....che ne sarà del mio sapone è da buttare? aveva fatto ben il nastro e negli stampini ha fatto una bella fase gel....vi prego un aiuto grazie
    P.S il sapone l'ho fatto circa 2 settimane fa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao, non credo sia un problema, se hai seguito perfettamente la ricetta e sei certa di non aver sbagliato le dosi di soda e acqua. Potrebbe essere perché è molto scontato...inoltre un po' di stagionatura l'ha fatta, quindi la reazione magari è già completata e lo sconto elevato fa il resto.
      Non usarlo subito perché comunque altro motivo per cui lasciarlo a stagionare è anche che l'acqua deve asciugare per evitare che il sapone si sciolga troppo in fretta e renda poco durante l'utilizzo!
      Fammi sapere!

      Elimina
    2. Ciao, volevo dirti come è andata con l'utilizzo del sapone...(se vuoi puoi anche non pubblicare il commento) ho paura che questo shampoo solido non sia adatto ai miei capelli :-(...tra l'altro ho avuto la cattivissima idea di partire proprio da questo shampoo per disintossicarmi dallo shampoo commerciale pieno di siliconi....per un mese i miei capelli sono stati sporchi anche da appena lavati...poi presa dalla disperazione ho avuto l'idea di passarmi il mio coccoliva che usavo da bagnoschiuma (ricetta scontata e con un po' di olio di ricino trovata su un'alto sito) e di usare lo shampoo solido dopo, a mo' di balsamo...il risultato è stato perfetto!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!ora faccio sempre così...lo uso come un balsamo..cosa ne pensi? io sono abbastanza soddisfatta...

      Elimina
    3. Ciao! Adoro le persone intraprendenti...lo sono anche io...
      Hai fatto molto bene, credo che alla fine il sapone che hai fatto basandoti sul coccoliva sia uno shampoo tipo lo shampoo canapa (senza canapa). Quando dici che invece il "birra-karité" lo usi come balsamo intendi comunque risciacquandolo? Praticamente fai l'ultimo lavaggio usando quello, dopo aver usato prima l'altro.
      Se continua a funzionare scrivimelo che aggiungo questa possibilità alla ricetta! Lo proverò anche io.
      Il bello del sapone naturale è la versatilità...grazie!

      Elimina
    4. si si....proprio così! faccio praticamente 2 lavaggi...il risultato è sempre migliore! i capelli durano molto più puliti e morbidi più a lungo! ho capelli lunghi e mossi tendenti al crespo...anche la forfora pian pianino scompare...grazie!!! faccio anche un risciacquo con aceto di mele! bye bye shampoo del supermercato!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

      Elimina
  20. Ciao Claudia, intanto volevo ringraziarti per tutte le ricette, ho provato lo shampoo riequilibrante e, dopo qualche tempo mi trovo bene e sono veramente felice di non dover più usare shampoo commerciali. Dal momento che ho i capelli abbastanza crespi dovevo usare anche il balsamo, cosa che ora non faccio più, però ho ancora i capelli leggermente crespi, quindi volevo provare a fare un'altro shampoo cercando di mischiare questa ricetta con quella dello shampoo riequilibrante (a cui mi sono affezionata) con l'aggiunta dell'olio ai semi di lino. Ho pensato di fare così:
    305 gr olio di oliva
    150 gr olio di cocco
    200 gr olio di ricino
    150 gr olio di riso
    100 gr olio di semi di lino
    15 gr cera d'api
    5 ml o.e. pompelmo
    5 ml o.e. menta
    5 ml o. e. limone
    5 ml o.e. arancio dolce

    Che ne dici? Forse mischiare tutti questi oli non è una buona idea per i capelli?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sembra una ricetta interessantissima! Prova e fammi sapere!

      Elimina
  21. Posso usare la soda solvay?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No. assolutamente no.
      Leggi qui:
      http://www.glialchimisti.com/2014/10/lingrediente-segreto-del-sapone-la-soda.html

      Elimina
  22. Ciao! Ti volevo fare i complimenti e una domanda: si può usare la birra analcolica? Un bacio e grazie per questo splendido blog! Micol

    RispondiElimina
    Risposte
    1. visto che l'alcool va fatto comunque evaporare, direi di sì. ciao!

      Elimina

Cerca nel blog

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE...

RICORDIAMOCI SEMPRE CHE...

L'INGREDIENTE SEGRETO DEL SAPONE: la SODA CAUSTICA (idrossido di sodio) informazioni e rassicurazioni...

È l'ingrediente segreto perchè è il trucco insostituibile perchè l'olio diventi sapone, perchè c'è ma non si vede e non si s...